giovedì 23 dicembre 2010

Pacchi bomba in ambasciate di Cile e Svizzera a Roma, due feriti


Roma, 23 dic. (Apcom) - Due pacchi bomba sono esplosi nelle ambasciate della Svizzera e del Cile a Roma, facendo due feriti. Un falso allarme è arrivato dalla sede diplomatica dell'Ucraina in via Guido d'Arezzo, sempre nella capitale. Nella rappresentanza diplomatica elvetica nel quartiere Parioli lo scoppio ha fatto un ferito grave: un 50enne svizzero, addetto alla corrispondenza, è stato colpito alle mani ed è stato trasportato in codice rosso al policlinico Umberto I. A causa dell'altro ordigno, esploso nella sede della sede diplomatica del Cile, a via Po una persona è rimasta ferita sempre alle mani ma non è grave seppure in ospedale. "Ci sono delle piste di carattere internazionale - ha spiegato il sindaco Gianni Alemanno - che stanno seguendo gli inquirenti. E' una vicenda che non ha nulla a che vedere con il contesto romano". L'ambasciatore svizzero a Roma, Bernardino Regazzoni, ha dichiarato che "nessuna rivendicazione" è giunta alla sede diplomatica.
Resta alta tensione nella capitale. La polizia ha allertato anche la scuola svizzera. Il personale ha detto di aver ricevuto diversi pacchi e di non averli aperti. Ci sono stati anche altri due falsi allarmi bomba: una voce femminile ha segnalato al telefono alla polizia la presenza di un ordigno negli uffici del comune in via del Tempio di Giove, vicino al Campidoglio, e in viale Marconi all'Eur. Le forze dell'ordine hanno verificato che entrambe le segnalazioni erano inattendibili.
"Siamo pienamente solidali con l'ambasciatore svizzero e con tutto il personale di quella rappresentanza diplomatica, oggetto di un deplorevole atto di violenza che merita la nostra più ferma condanna", ha dichiarato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, commentando l'esplosione.
E' solo dell'altro ieri l'allarme bomba nella metropolitana di Roma, nella cui linea B era stato trovato un pacco sospetto, fatto su cui sono in corso le indagini.

Fonte: http://notizie.virgilio.it

martedì 21 dicembre 2010

Università, lettera degli studenti "Napolitano non firmi la legge"


ROMA - «Vogliamo però interloquire con chi ha detto, in questi giorni, che bisogna ascoltare il nostro disagio, perciò domani una nostra delegazione porterà una lettera al Presidente Napolitano». Lo annunciano in una lettera aperta «gli studenti e le studentesse della Sapienza in mobilitazione». Una lettera indirizzata al Prefetto, al Sindaco e al Questore di Roma con cui chiedono l’autorizzazione alla manifestazione ponendogli però la domanda: «siete disposti a garantire il diritto di manifestare?»
A un giorno dall’approvazione del dl Gelmini- approvazione che arriverà domani, dopo una lunga giornata di bagarre in Senato- gli studenti chiedono che sia garantita la possibilità di sfilare. «Rispetto queste posizioni, ma noi andiamo avanti. Il ddl deve passare quanto prima per dare alle università regole certe, per riaprire i concorsi e utilizzare le risorse che abbiamo recuperato», ha detto la Gelmini.
Roma è blindata: le autorità hanno disposto più uomini rispetto al 14 dicembre scorso ed un dispositivo più dinamico, che consenta alle forze di polizia di muoversi in maniera agile dietro al corteo degli studenti e bloccare ogni tentativo di azione violenta. In queste ore il sito «Atenei in rivolta» sta pubblicando le diverse iniziative che, da Nord a Sud, si susseguiranno per tutto il corso della giornata, in concomitanza con il corteo nazionale di Roma.

Fonte: http://www3.lastampa.it

Bomba metropolitana Roma: ordigno esplosivo trovato alla stazione Rebibbia della linea B


ROMA / E’ stato trovato un ordigno esplosivo su uno dei vagoni della metropolitana B a Roma. La notizia è stata diffusa dalle agenzie intorno alle 14.15: LA STAZIONE REBIBBIA, MAPPA
Il ritrovamento intorno alle 10 del mattino alla stazione di Rebibbia. Lo riferisce l’Atac. L’ordigno è stato trovato presso il cosidetto “binario tronchino”, l’area in cui vengono effettuate le manovre dei treni. Sul posto sono giunti i soccorritori.
E’ stato constata l’effettiva pericolosità dell’ordigno e la potenzialità esplosiva. La notizia piomba in giorni molto tesi dopo gli scontri dello scorso 14 dicembre. L’ordigno poteva esplodere. Lo conferma il Sindaco Alemanno.
A trovarlo un dipendente dell’Atac che si è accorto di un oggetto sospetto all’interno del primo vagone. L’ordigno era contenuto in una busta di plastica, posizionata sotto un sedile. Dentro, una scatola con due tubi, polvere pirica e un comando per farla esplodere a distanza.
In queste ore vengono osservati i filmati delle telecamere di sorveglianza. La zona è stata isolata per consentire agli artificieri di disinnescarla.

Fonte: http://www.cronacalive.it

Iran: trema la terra, morti e centinaia di feriti


IRAN - Almeno sette persone sono rimaste uccise e 24 ferite in un terremoto che ha colpito ieri sera il sud-est dell'Iran. Lo riferisce l'agenzia Isna, sottolineando che il bilancio potrebbe pero' aggravarsi, perche' numerosi villaggi hanno subito distruzioni tra il 20 e il 100 per cento.
Il sisma, di intensita' 6,5 gradi sulla scala Richter, ha avuto il suo epicentro nei pressi della citta' di Hosseinabad, nella provincia di Kerman, ed e' avvenuto alle 22:12 ora locale (le 19:42 in Svizzera).
Nella provincia di Kerman si trova anche la citta' di Bam, rasa al suolo nel dicembre del 2003 da un terremoto che provoco' circa 30mila morti. ''Considerate le dimensioni dei danni, il numero dei morti sembra destinato ad aumentare'', ha detto all'agenzia Irna il governatore generale della provincia, Esmail Najjar. Le operazioni di soccorso sono ancora in corso, ha aggiunto Najjar, per estrarre persone che sono rimaste intrappolate sotto le macerie. Il governatore ha sottolineato che le case crollate erano fatte di creta essiccata e paglia, materiale usato nelle tradizionali costruzioni delle zone rurali, mentre gli edifici costruiti con strutture piu' moderne hanno retto. La scossa principale e' stata seguita fino ad ora da altre sei di assestamento, la piu' forte delle quali ha raggiunto i 4,3 gradi sulla scala Richter.

Fonte: http://www.tio.ch

domenica 5 dicembre 2010

Signori, Micheal Jackson da lezioni a tutti


Ma se solo, accidenti, avesse potuto godersi il successo che avrà questo disco, Michael Jackson sarebbe forse riuscito a sfumare le sue ossessioni, a lasciarsi abbracciare dall’amore, a tornare infine una persona serena. L’album di canzoni inedite che uscirà il dieci dicembre si intitola semplicemente Michael, ha una copertina tanto per dire (un collage di sue immagini famose) ma impacchetta senz’altro il miglior Michael Jackson dai tempi di Dangerous, roba di un secolo fa perché uscì nel 1991 quando il mondo era foderato di grunge e la gente voleva Kurt Cobain santo subito. Intanto, senza neanche arrivare fino in fondo alla decima canzone (finora un solo ascolto blindato nella sede Sony), si capisce subito che tutti i dettagli srotolati da giornali e tv sul disfacimento di Michael Jackson, storie peraltro piene di particolari morbosi, erano per lo più fesserie belle e buone perché lui, certo, avrà avuto i suoi bei problemi ma la passione per la musica, quella, era più viva che mai: e non c’è un secondo del disco che la smentisca, nonostante il singolo Hold my hand duettato con Akon, che tra l’altro apre tutto, non sia il pezzo forte e la conclusiva Much too soon abbia un significato simbolico contestuale ma non di più. E già questo vuol dire molto: Michael non è un album raffazzonato tanto per fertilizzare ancora un po’ il business del caro estinto, non ci sono cadute di gusto né arrangiamenti banali, il che conferma che la sua spregiudicata famiglia non ci ha messo poi tanto le mani sopra, impegnata com’è solo a foraggiare volgarmente il minuto mantenimento contabile dell’impresa. In realtà, a queste canzoni, che si agitano sulle sue solite coordinate stilistiche, Michael Jackson (che le canta davvero, altro che) lavorava con la sua maniacale attenzione sin dal 2004, affondandole nelle sue ossessioni e quindi diluendole nel tempo fino a lasciarle alla fine lì, sospese nel nulla dopo la sua morte. Ma sono vive, eccome, vivissime. E l’inizio martellante di Hollywood tonight che si aggancia a un giro di basso inarrestabile e a un ritornello riuscito lo conferma, così come l’inconfondibile sussurrato di Keep your head up e l’imponente ballata (I like) The way you love me – letteralmente mi piace il tuo modo di amarmi – sono lì a dire che, anche adesso che non c’è più, anzi soprattutto adesso, Michael Jackson ha molte lezioni ancora da dare ai suoi colleghi, nello stile e nei contenuti. Qui si parla di amore, etereo per giunta, cosparso per ogni dove, mai sessuale, sempre empatico e necessariamente infantile quindi puro persino quando, come in Breaking news, c’è il lamento struggente di chi vive pedinato dalla stampa. Sembra provenire da un altro pianeta. Per capirci, il successone che ha contribuito a dare a Eminem dieci nomination ai prossimi Grammy Awards si intitola Love the way you lie – cantato in duetto con Rihanna – e vuol dire mi piace il modo in cui mi tradisci. Il contrario. Un altro mondo. Per forza Michael Jackson, già azzoppato dal ben noto scandalismo giudiziario, era finito fuori dai binari del successo discografico: parlava un’altra lingua rispetto a quella di moda. Ma, c’è da dirlo, esigeva anche ben altri standard compositivi rispetto alla media e basta ascoltare Monster – con il rappato di 50 Cent – per cogliere che il livello è così alto da rendere inutile l’analisi canzone per canzone, da superare la meraviglia rockeggiante di (I can’t make it) Another day con Lenny Kravitz e Dave Grohl e gli incastri di voce e sax in Behind the mask, la cui musica è stata scritta da Ryuichi Sakamoto. Questo è un gran disco. Punto. Ma proprio grande.

Fonte: http://blog.ilgiornale.it

giovedì 2 dicembre 2010

Ecco ET, il batterio che si nutre di arsenico


E' nato in California nel Mono Lake, uno dei laghi del parco Yosemite. È stato poi modificato in laboratorio, presso l'Istituto di Astrobiologia della Nasa e ora la sua vita dipende in modo integrale da un veleno come l'arsenico. Un nuovo Et, insomma, sembra essere atterrato sulla terra.
La scoperta, pubblicata su Science, sarà annunciata questa sera alle 20,00 dalla Nasa in una conferenza stampa. Secondo gli esperti, l'esistenza di un simile microrganismo, dimostra che la vita può esistere in forme molto diverse da quelle conosciute. Ne dovranno tenere conto i vari programmi spaziali impegnati nella ricerca di "abitanti" di altri mondi.
La scoperta potrebbe dimostrare l'esistenza degli alieni, ovvero di forme di vita su altri pianeti. Il microbo - infatti - ha la straordinaria capacità di sopravvivere all'arsenico un elemento considerato incompatibile con la sopravvivenza di qualsiasi forma di vita sulla Terra. L'incredibile scoperta - dicono i media britannici - concretizza la prospettiva che la vita possa esistere su altri pianeti dove non c'è fosforo nell'atmosfera.

Fonte: http://www.leggo.it

mercoledì 1 dicembre 2010

Omaggio a Monicelli diventa polemica su eutanasia a Montecitorio


Rispettare "l'estremo scatto di volontà" di Mario Monicelli, il grande regista che si è tolto la vita lunedì scorso. Sono le parole pronunciate del capo dello Stato Giorgio Napolitano dopo aver reso omaggio al padre della commedia italiana presso la camera ardente allestita nella Casa del cinema a Villa Borghese.
Una decisione, quella di togliersi la vita, che è stata occasione di polemica a Montecitorio. L'aula ha ricordato il regista con un lungo applauso ma a molti non sono piaciute le parole di Walter Veltroni: "Non gli piaceva l'Italia di oggi, la mortificazione della sua vita culturale". Il suo discorso ha innescato un breve dibattito sull'eutanasia.
La radicale Rita Bernardini ha chiesto "una riflessione della Camera sul modo in cui Monicelli ha scelto di lasciare la vita. Per porre fine a una vita che non riteneva più di dover continuare, ha scelto il suicidio - ha ricordato - buttandosi da un balcone. L'aula dovrebbe avviare una riflessione su come alcune persone che non ce la fanno più siano costrette a lasciare la vita, anzichè morire con i propri familiari vicini, con il metodo della dolce morte".
Immediata la protesta della centrista Paola Binetti: "Basta con spot a favore dell'eutanasia partendo da episodi di uomini disperati: Monicelli era stato lasciato solo, il suo è un gesto tremendo di solitudine non di libertà".
Di "spot inaccettabile" ha parlato anche la leghista Erica Rivolta ed Enrico La Loggia (Pdl) ha ammonito: "Non si può strumentalizzare in quest'aula un gesto disperato e farlo passare per un esempio da seguire".
Sulla stessa linea anche la Lega con Massimo Polledri che ha detto: "Mistificare un gesto disperato, dipeso dallo stato avanzato di una grave malattia com'è la depressione, per declamare un'apologia della morte ha segnato ancora una volta la distanza sui valori che divide il centrodestra dal centrosinistra".
Chi lo conosceva bene, però, come l'attore Giuliano Gemma dice che "non avrebbe mai accettato una vita assistita: era talmente giovane come testa e indipendente come carattere che non ce l'avrebbe fatta".

Fonte: http://notizie.virgilio.it

Google Editions, in arrivo la libreria online di Big G


Entro la fine dell’anno negli Usa arriverà l’attesa Editions di Google, l’iniziativa che dovrà rivoluzionare la vendita degli e-book, consentendo di acquistare e leggere libri digitali direttamente dal browser. La notizia è riportata dal Wall Street Journal, e il momento del lancio di Google Editions sembra essere arrivato dopo che Big G non è riuscita a farlo debuttare per giugno come aveva inizialmente fissato.
Un servizio che, complementare a Google Books, fa già tremare Amazon e colleghi, consapevoli dell’imminente arrivo di un temibile concorrente. Il motto del nuovo servizio di Google è: “buy anywhere, read anywhere”, ossia “compra dovunque, leggi dovunque”, intendendo con questo la libertà di accesso ai contenuti acquistati che Editions promette di garantire.
Il catalogo di e-book di Google Editions già da subito potrà contare su 200 editori, ai quali si aggiungeranno i libri “orfani” ovvero qualli di cui non si è più in grado di rintracciare i detentori dei diritti, in larga parte acquisiti con le scansioni di Google Books.

Fonte: http://tecnologia.guidone.it

Wikileaks: Assange tra i "Most wanted" dell'Interpol


WIKILEAKS – Assange è stato inserito nella lista “rossa” dei “most wanted” dall’Interpool, polizia internazionale con sede a Lione, in Francia. Il mandato di arresto è stato diramato ieri: Julian Assange, fondatore di Wikileaks, è attualmente ricercato in 188 paesi per l’accusa di stupro.
WIKILEAKS/ Assange ricercato: lo stupro capo d’accusa? Solo un espediente mal celato.
Desta scalpore l’inserimento di Julian Assange, ideatore di Wikileaks.org, nell’elenco dei “most wanted” dell’Interpool. Se dovesse essere emesso un mandato di arresto internazionale per ogni uomo sulla terra accusato di stupro, probabilmente le polizie di tutto il mondo non potrebbero occuparsi di altro. Non perchè non debba, come opportuno, essere vagliata la pozione di Assange sull’accusa di stupro in Svezia, ci mancherebbe! La verità è che dopo lo scandalo Wikileaks, Assange è divenuto un “uomo pericoloso” per tutti i governi del pianeta: essere ricercato in 188 paesi per stupro sembra, in realtà, esclusivamente un “espediente mal celato”.

Fonte: http://www.gossipitaliano.it

venerdì 19 novembre 2010

Google festeggia la giornata mondiale dei bambini


Ecco arrivare puntuale il doodle sulla homepage di Google, doodle che serve per ricordare a chiunque cerchi una notizia, un immagine, un sito, una mappa, una traduzione, e molto altro ancora, che oggi è la giornata mondiale dedicata ai diritti dei bambini.

Il doodle descrive una situazione tipo che si ripete ogni giorno nelle case, soprattutto di quelli più fortunati, e che dovrebbe, secondo noi, essere vissuta da ogni bambino in tutto il mondo, svegliarsi nel proprio letto, lavarsi i denti, fare colazione, ed uscire correndo da casa, 4 semplici azioni, ma che racchiudono un immenso significato.

I diritti dei bambini sono sanciti dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 Novembre del 1989 a New York ed è entrata in vigore il 2 settembre 1990. In Italia la convenzione è stata ratificata il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.

Che dire, veramente un bel doodle quello di oggi!!

Fabio Billeri

Fonte: http://www.esclusivista.it

mercoledì 17 novembre 2010

Colera ad Haiti: 1000 morti e 16mila contagiati


E il 28 novembre in questo clima si devono svolgere le elezioni presidenziali per scegliere il nuovo presidente. Gli haitiani dovranno scegliere l’uomo che li tirerà fuori dai guai, come si suol dire.
All’inizio di quest’anno il terribile terremoto di magnitudo sette che ha causato oltre 220mila vittime e coinvolto più di tre milioni di persone. Dopo otto mesi un epidemia di colera la cui origine è sconosciuta. Fonti del governo haitiano affermano che la malattia sia stata debellata dall’isola negli anni ’60, ma la popolazione che ha passato l’ultima anno in condizioni orribili non è dello stesso avviso ed è a caccia dell’untore.
C’è chi dice che l’ultima epidemia di colera si sia avuta cent’anni fa, oppure mai e quindi il virus sia arrivato dall’esterno, magari da uno dei 12mila caschi blu delle Nazioni Unite che stazionano sull’isola dopo il terremoto. Sfortuna ha voluto che proprio un casco blu sia stato contagiato dal colera, un nepalese e la popolazione haitiana, tra voci, credenze mistiche e voodoo si lasciata andare a una rivolta contro i peacekeeping.
Le proteste hanno avuto inizio a Cap-Haitien lunedì scorso, alle prime ore del giorno e, in poche ore, hanno paralizzato gran parte della città portuale del nord. Durante la stessa giornata sono scoppiate altre proteste nelle città circostanti. Una stazione di polizia è stata data alle fiamme a Cap-Haitien e sassi sono stati lanciati le basi dei caschi blu.
Domenica scorsa il ministero della salute di Haiti ha riferito che il bilancio ufficiale dei morti è di mille. Gli operatori umanitari hanno dichiarato che non bisogna sottovalutare l’epidemia e il ministro della salute afferma che oltre 16.700 persone sono state ricoverate in tutto il Paese, ma Medici senza Frontiere afferma che nelle sue cliniche sono stati curati solo 12mila haitiani.
Il Centro Usa per il controllo e la prevenzione dei disastri ha rilevato che il ceppo di colera che devasta il Paese proviene da un ceppo specifico per l’Asia meridionale, ma ha reso noto di non aver individuato come questo sia arrivato ad Haiti.
Francesco Cappello

Fonte: http://www.ilquotidianoitaliano.it

sabato 30 ottobre 2010

Halloween, la festa pagana dei celti


Tutto pronto per la festa di Halloween, ovvero la notte prima del giorno di Ognissanti, ricorrenza popolare pre-cristiana diffusa in Europa dai Celti come celebrazione della fine dell'estate e preparazione alla stagione fredda. La tradizione odierna di chiedere dolci e caramelle di casa in casa deriva proprio dalle popolazioni celtiche che, in segno di riconoscenza verso i loro morti avevano l'usanza di lasciare fuori di casa del cibo. Per questo motivo i bambini travestiti da streghe, zombie, vampiri e fantasmi si presentano davanti alle case dei propri vicini ed esclamano: ''Trick or Treat?'', appunto ''Dolcetto o scherzetto?'', poiche' qualora non ricevessero dolciumi si vendicherebbero con terribili scherzi. Per allontanare la sfortuna i piccoli mostri nella notte di ''All Hallows Eve'' - dall'etimologia della vigilia di ''Tutti i Santi'' - dovrebbero bussare a 13 porte diverse.

La tradizione vuole inoltre che si intaglino delle zucche con delle facce spaventose da usare come illuminazioni per assecondare la leggenda di ''Jack o'Lantern'' in italiano ''Giacomino il Lanternino'', un fattore che oso' sfidare il diavolo e che alla morte, non potendo stare ne' in paradiso ne' all'inferno, fu costretto a vagare in terra alla ricerca continua di un rifugio. L'uso di queste lanterne al di fuori delle case servirebbe in questo modo ad indicare allo spirito di Jack la strada.

La famosa festivita' pagana solo su facebook conta 965.138 fan di tutto il mondo e 500 gruppi tematici in cui i fanatici da piu' di un mese si scambiano consigli sui travestimenti da adottare: tra questi spopolano i vampiri della saga di ''Twilight'' e costumi ispirati a Lady Gaga, la pop star che col suo stile pittoresco, sembra essere l'icona di Halloween 2010.

In tutto lo stivale spopolano le feste e le iniziative per un week end da brivido: aperitivi in maschera, serate a tema in discoteca, escursioni notturne e cene a base di zucca.

Mentre per chi resta a casa le reti televisive dedicate ai giovani hanno organizzato una vera e propria maratona di film su questa ricorrenza. Su Italia 1 a partire da oggi pomeriggio saranno trasmessi gli episodi speciali de I Simpson dedicati ad Halloween, che portano il titolo ''La paura fa novanta'', a seguire uno speciale di Shrek, dal titolo ''Scared Shrekless-Shrekkati da morire'', mentre su Mtv andranno in onda i film ''L'Alba Dei Morti Dementi'', parodia dei film horror di Edgard Wright, e domenica 31 ''Valemont The Movie e ''My Super Psycho Sweet 16''.

lunedì 11 ottobre 2010

L'avvocato di Misseri: la violenza prova uno stato patologico mentale


Lo scrive il difensore di Michele Misseri, avvocato Daniele Galoppa, nell'atto con cui chiede di sottoporre a perizia psichiatrica il proprio assistito, che si è accusato di aver ucciso la nipote Sara Scazzi. "Il comportamento - scrive il legale - tenuto dall'indagato dal giorno della scomparsa della giovane vittima al suo ritrovamento, oltre che le dichiarate motivazioni che lo hanno spinto a voler collaborare con gli organi inquirenti, mostrano degli evidenti segnali di scarsa capacità rappresentativa della realtà e inconsapevolezza dei propri comportamenti al momento del loro compimento".
TRE VERSIONI DIFFERENTI - Sono tre - secondo la difesa - le versioni "contraddittorie, assolutamente illogiche e poco credibili" che Michele Misseri ha fornito agli inquirenti, durante gli interrogatori, durante i quali ha confessato di aver ucciso la nipote Sara Scazzi. Secondo il difensore nell'interrogatorio del 7 ottobre, terminato alle 4 del mattino, Misseri ha detto - scrive il legale nella richiesta di perizia psichiatrica - di "aver strangolato senza alcun motivo la piccola Sara con una fune utilizzata per avviare il proprio trattore agricolo", mentre la ragazzina "gli volgeva senza alcun motivo le spalle immediatamente dopo il suo arrivo e, stranamente, dopo aver percorso in discesa una rampa abbastanza ripida". Durante l'interrogatorio Misseri ha ribadito più volte - prosegue il legale - "di avere avuto in precedenza un rapporto assolutamente normale con la giovane parente". Nel corso dell'esame sul corpo di Misseri, compiuto il 7 ottobre alle ore 13,00, l'indagato - prosegue Galoppa - ha detto "per la prima ed unica volta di essere stato toccato ai fianchi con le mani dalla piccola Sara", per poi strozzare la ragazzina dopo che questa gli aveva dato le spalle.
SECONDO INTERROGATORIO - Nell'interrogatorio di convalida del fermo dell'8 ottobre, reso davanti al gip di Taranto Martino Rosati, Misseri - sottolinea il difensore - ha "confessato per la prima volta di aver palpeggiato la nipote, dopo che la stessa lo aveva raggiunto nel garage". In questa circostanza l'indagato ha spiegato di aver strangolato la giovane senza più riferire di essere stato toccato ai fianchi da Sara ma aggiungendo, "sempre per la prima volta, di averla molestata solo qualche giorno prima della sua uccisione, il tutto, tra l'altro, condito da molti 'non sò".

Fonte: http://www.unionesarda.it

venerdì 8 ottobre 2010

John Lennon, 70 anni dalla nascita


Il 9 ottobre John Lennon avrebbe compiuto 70 anni. L'8 dicembre sarà il trentennale del suo omicidio, mentre al suo assassino, Mark Chapman, proprio qualche giorno fa è stata negata la libertà provvisoria. Queste tristi ricorrenze non fanno che confermare il vuoto lasciato da John Lennon e dai Beatles. Per ricordare il suo mito e la sua arte, al via una settimana di eventi tra mostre, libri, film, concerti e poesie.
Dal 1962 al 1970, John Lennon è stato il leader indiscusso dei Beatles. Con Paul McCartney, infatti, ha formato una delle più importanti partnership musicali della storia della musica. Diventando il cantautore di maggior successo nella storia delle classifiche inglesi. Terminata l'esperienza con i Beatles, Lennon intraprese anche la carriera da solista ma anche di autore di disegni e poesie, nonché attivista politico e paladino del pacifismo.
Questo gli causò non pochi problemi con l'Fbi, che per lungo tempo spiò tutte le sue attività e quelle della moglie Yoko Ono, considerandolo un sovversivo e rifiutandogli più volte la cittadinanza americana. Fu assassinato a colpi di rivoltella da un suo stesso fan, Mark David Chapman, la sera dell'8 dicembre 1980 a New York. Lennon si sposò due volte: dal primo matrimonio con Cynthia Powell ebbe il figlio Julian, mentre dal secondo matrimonio con l'artista giapponese Yoko Ono, nacque il figlio Sean. Entrambi i figli hanno seguito la carriera artistica del padre.
La doppia ricorrenza di Lennon (i 30 anni della morte e il 70esimo compleanno) ovviamente non poteva non avere un'eco di iniziative. Non è certo una sorpresa che il centro delle celebrazioni sarà Liverpool dove sotto la sigla "Lennon Remembered" ci saranno concerti, esposizioni artistiche, film e poesie alla "Echo Arena". Mentre al "Cavern Club", il locale che ha ospitato il debutto dei Beatles, ci sarà anche un party di compleanno.
L'onda lunga delle celebrazioni è cominciata con una reunion familiare pochi giorni fa alla galleria del Morrison Hotel di New York dove per la presentazione di "Timeless", mostra fotografica di Julian Lennon, oltre a sua mamma, Cinthya Powell Lennon, la prima moglie, sono arrivati Yoko Ono e Sean Lennon. Julian e Cynthia organizzeranno a Liverpool una mostra fotografica intitolata "White Feather: Spirit of Lennon". A Los Angeles gli eventi si amalgameranno tra loro in modo naturale alternando interviste intime e inedite, mostre ed esposizioni di fotografie, testi scritti a mano, abiti, disegni e strumenti musicali appartenuti a Lennon, film e documentari storici e prime esclusive, tra cui quella di "American Masters: Lennon NYC" che la stessa Ono ha definito un film bellissimo e che offre un ritratto autentico di Jonh e della sua infanzia e dell'acclamato "Nowhere Boy" che narra la storia della sua infanzia turbolenta. In occasione di questo compleanno speciale, inoltre, si riuniranno anche i tre membri dei Quarrymen, prima band di Lennon.
I festeggiamenti più classici, quindi, forse proprio quelli che Lennon avrebbe voluto: cinema, musica e cultura. Arte per tutti, a 360 gradi.

Fonte: http://www.tgcom.mediaset.it

mercoledì 29 settembre 2010

I Flintstones compiono 50 anni


Google celebra i 50 anni dei Flintstones con un logo tutto speciale con la parola "google" disegnata con i famosi personaggi di Hanna e Barbera. Chi l'avrebbe detto? Fred Flintstone, la moglie Wilma, e la coppia Barney Rubble e la moglie Betty sono stati disegnati mezzo secolo fa. Una intuizione geniale quella dello studio Hanna & Barbera e in particolare quella del loro fondatore William Hanna di ambientare nella preistoria storie della vita moderna in una Bedrock dotata di aeroporto, centri commerciali, banche, alberghi e soprattutto di bowling e drive-in.
Per 50 anni Fred e Barney hanno accompagnato generazioni di bambini da quel 30 settembre del 1960, giorno in cui la BC mandò in onda il primo dei 166 episodi praticamente ininterrottamente fino al 1 agosto del 1966. E allora che dire? Yabba-dabba-dooooo.

Fonte: http://www.italia-news.it

venerdì 24 settembre 2010

WOODSTOCK 5 STELLE: CON BEPPE GRILLO, WEEK-END DI MUSICA E ENTUSIASMO A CESENA


CESENA, 24 SETT. – Non è stato l’esoso prezzo delle camere (200 euro a notte) a fermare l’invasione che si prevede per questo fine settimana a Cesena. Woodstock cinque stelle, la due giorni di musica organizzata da Beppe Grillo richiama adesioni da tutta Italia che si mobilita per partecipare all’evento. Il tutto esaurito nelle pensioni e hotel di Cesena e l’idea di una notte contornata da temperature rigide e mal tempo non fermano gli appassionati che armati di tenda, spirito d’avventura e sano desiderio di partecipazione, si preparano all’attesissimo evento che si svolgerà al Parco Ippodromo, in concomitanza con la gara ciclistica Memorial Pantani e la partita di calcio Cesena – Napoli. “Ci attende un fine settimana piuttosto complicato – commenta il Sindaco Paolo Lucchi – e inevitabilmente si registrerà qualche disagio nella circolazione, di cui ci scusiamo fin d’ora”. Diverse sono infatti le variazioni nel traffico e i divieti istituiti nelle zone più calde.
Il Woodstock avrà anche un suo inno musicale, composto da Francesco Baccini: “Woodstock… Cesena… sono un sogno a occhi aperti uno sguardo al cielo e alla bellezza della vita. Tutto è possibile. Due giorni per guardare lontano e cambiare il presente. Woodstock è una pietra gentile nello stagno immobile dei deliri del fantasma di una nazione. Woodstock si espanderà in onde circolari e cambierà tutto. Perchè non crederci? Perché non lottare per il nostro futuro? Non abbiamo altro. Non abbiamo scelta”. Un manifesto di armonia, solidarietà, entusiasmo, speranza, in piena linea con lo spirito sul quale mette radici l’evento, nell’ardente e noto impeto di Grillo.
Questo il programma della manifestazione e gli artisti che si esibiranno a partire dalle 17 di sabato: Francesco Baccini, Samuele Bersani, Charleston – dovrebbero aprire loro alle 17 -, John De Leo, Max Gazzé, Flavio Oreglio, Rudy Rotta, Ivan Segreto, Sud Sound System. Domenica: Paolo Benvegnù, Blastema, Stefano Bollani, Bud Spencer Blues Explosion, Cattive Abitudini, Dente, Fabri Fibra + Marracash, L’Invasione degli omini verdi, Linea 77, Mamasita, Marta Sui Tubi, Leo Pari, Perturbazione, Daniele Silvestri, Supa + DJ Nais, Teatro Degli Orriori, The Niro, Tre Allegri Ragazzi Morti.

http://www.bolognatg24.it

sabato 18 settembre 2010

Il giovane Berlusconi con la pistola. La foto del 1977


Il settimanale L'espresso ha pubblicato oggi alcune foto, provenienti dall'archivio del fotografo Alberto Roveri, di Silvio Berlusconi, vecchie di oltre 30 anni. Tra le immagini, scattate nella primavera del 1977, quando l'attuale premier, all'epoca poco più che quarantenne, stava per comprare il Giornale di Indro Montanelli dopo aver completato Milano 2, spicca uno scatto molto particolare: si vede Berlusconi con le gambe accavallate, e sulla scrivania alla sua destra si vede chiaramente una pistola. Una 357 Magnum, che il futuro presidente del Consiglio aveva acquistato "per difendersi dai rapimenti". Il ritrovamento delle foto è avvenuto per puro caso, durante il trasferimento in digitale delle foto di Roveri: "Le stavo ingrandendo per ripulirle, quando è spuntata quell'arma che avevo dimenticato - ha detto Roveri a L'espresso - ricordo l'incontro, fu di una cordialità unica. Si mise in posa ordinando di non essere disturbato, rifiutò persino una telefonata del sindaco Tognoli". Di fronte alla richiesta del perché tenesse in casa una pistola, Berlusconi rispose a Roveri: "Ha idea di quanti industriali vengono rapiti?".

http://www.leggo.it

martedì 14 settembre 2010

120 anni dalla nascita di Agatha Christie


Dame Agatha Mary Clarissa Miller, Lady Mallowan, nota come Agatha Christie, è stata una scrittrice britannica. La Christie è diventata celebre per i numerosi romanzi giallo scritti durate la sua vita. Alcuni dei suoi personaggi, descritti con grande bravura e con dovizia di particolari, sono stati l'investigatore belga Hercule Poirot e la simpatica vecchietta, nonché intrigante indagatrice, Miss Marple. La Christie è la scrittrice inglese più tradotta, anche più di Shakespeare, e i suoi romanzi sono tutt'ora pubblicati con successo in tutto il mondo.
Nel 1954 Agatha Christie viene premiata con il "Grand Master of the Mystery Writers of America", famoso premio letterario americano, e nel 1971 viene insignita della massima onorificenza che l'Inghilterra riserva alle donne, il DBE (Dame Commander of the British Empire, Dama dell'Impero Britannico).
Dai suoi romanzi sono stati tratti moltissimi film e sceneggiati televisivi, adattamenti che però Agatha, in alcuni casi, non ha mostrato di gradire.
Nel 1979 uscì un film sulla vita di questa autrice incentrato proprio sulla misteriosa 'fuga' del '26 dopo la scoperta dei tradimenti del marito. Protagonista Vanessa Redgrave. Il titolo originale Agatha fu tradotto Italia col titolo Il segreto di Agatha Christie.

venerdì 10 settembre 2010

11 settembre: Cossiga diventa paladino dei complottisti di tutto il mondo


"Venendo da un rispettabile ex capo di stato, la dichiarazione di Cossiga che l'11 settembre sia stato un complotto e che questo sia un dato di fatto tra i servizi segreti di tutto il mondo rende molto difficile la sua pubblicazione sulla stampa dell'establishment poichè come centinaia di altri professionisti militari, politici, professori ed intellettuali non potrebbe essere trattato come un pazzo teorico della cospirazione" è la conclusione di un articolo comparso sul sito Global Research del Centre for Research on Globalization.
Le dichiarazioni di Francesco Cossiga in merito all'ultimo messaggio di Bin Laden definito dall'ex presidente della Repubblica un videomontaggio nelle quali afferma che "tutti gli ambienti democratici d'America e d'Europa, con in prima linea quelli del centrosinistra italiano, sanno ormai bene che il disastroso attentato è stato pianificato e realizzato dalla Cia americana e dal Mossad con l'aiuto del mondo sionista per mettere sotto accusa i Paesi arabi e per indurre le potenze occidentali ad intervenire sia in Iraq sia in Afghanistan" non sono state riprese come previsto dai media mainstream ma lo hanno reso un paladino dei complottisti.
Nel presentare Francesco Cossiga, Global Research gli assegna una patente di credibilità grazie al suo ruolo nel portare alla luce l'Operazione Gladio, un'organizzazione clandestina promossa dai servizi d'informazione italiani e dalla NATO per contrastare un'eventuale invasione sovietica dell'Italia.
Già nel 2001, Cossiga, ricorda l'articolo, aveva espresso le sue tesi complottiste dichiarando che "solo una mente sofisticata" poteva aver pensato l'attacco "con enormi mezzi non solo per reclutare kamikaze fanatici ma anche personale specializzato".

Fonte: http://vistidalontano.blogosfere.it

mercoledì 8 settembre 2010

Cina, stretta sulle esecuzioni capitali?


Un progetto di legge per la riduzione dei reati punibili con la pena di morte è stato presentato all'Assemblea Nazionale del Popolo, il Parlamento cinese, che lo esaminerà nei prossimi giorni, secondo quando afferma l'agenzia Nuova Cina.
Il progetto prevede l'abolizione delle pena capitale per 13 reati non di sangue, legati al contrabbando e alla corruzione. Attualmente, in Cina la pena di morte può essere comminata per 68 reati. Sia il numero delle condanne a morte e che quello delle esecuzioni sono considerati segreti di Stato ma le organizzazioni umanitarie internazionali affermano che sono migliaia ogni anno.
Il governo cinese sostiene che il numero delle condanne alla pena capitale si è ridotto dal 2007, quando è stato stabilito che devono essere approvate dalla Corte Suprema di Pechino. Il dibattito sulla pena di morte si è acceso negli ultimi anni
dopo che sono emersi una serie casi nei quali i condannati a morte sono risultati innocenti.

Fonte: http://info.rsi.ch

martedì 31 agosto 2010

Hawaii, tornado di fuoco distrugge tutto


Una vera e propria tempesta di fuoco, causata dal pericolosissimo mix tra i frequenti incendi estivi e gli altrettanto frequenti, almeno in alcune zone del mondo, uragani. Il 'tornado di fuoco' come è stato soprannominato dai media statunitensi, è stato ripreso dalle telecamere alle isole Hawaii, e il video è apparso subito su YouTube. Il fuoco ha distrutto circa 600 ettari di terreni, e sta continuando a travolgere tutto ciò che incontra. Fortunatamente, almeno per ora, non ci sono feriti.

Fonte: http://www.leggo.it

venerdì 6 agosto 2010

Sorteggio champions: Sampdoria - Werder Brema


Alle ore 12, a Nyon, si terranno i sorteggi per i preliminari di Champions League e di Europa League (alle 13.30). Quattro le italiane impegnate nella manifestazione e precisamente la Sampdoria (Champions), e la Juventus, il Napoli e il Palermo (Europa League). Cammino più ostico, come scontato, per i blucerchiati, che per aggregarsi al gruppo formato da Roma, Milan e Inter dovranno superare avversari durissimi.
Le 5 sfidanti probabili sono infatti Siviglia, Werder Brema, lo Zenit di Luciano Spalletti,Tottenham e Ajax, 5 squadre di prima fascia contro di cui la Samp dovrà dare il massimo confermando quanto di buono fatto vedere durante lo scorso campionato. Le sfide dei blucerchiati si giocheranno il 17 o il 18 agosto (andata) e il 24 o il 25 (ritorno).

giovedì 5 agosto 2010

Terra colpita da "tsunami solare"


In queste ore sulla terra si sta abbattendo una tempesta solare, che segue le esplosioni del sole verificatesi durante il fine settimana.
Diversi satelliti nel mondo, hanno fatto sapere gli astronomi, hanno rilevato nel fine settimana delle esplosioni solari.
Chiamati Solar Terrestrial Relations Observatory (Stereo), gli tsunami solari sono delle grandi eruzioni che avvengono sulla superficie solare e sollevano onde di plasma rovente che talora possono essere alte quanto la Terra.
L'ondata di gas che producono raggiunge la terra, turbando il campo magnetico naturale che protegge il nostro pianeta.
Talora questi fenomeni provocano spettacolari aurore boreali.
Nel caso di massiccia eruzione, il fenomeno può distruggere satelliti e ostacolare le reti di comunicazione e di energia.

Fonte: http://www.in-dies.info

venerdì 16 luglio 2010

Cosa accade in Louisiana?


Che il disastro ambientale causato dalla fuga di petrolio si rivelerà molto più grave del previsto, ormai lo hanno capito tutti. Quello che resta da chiarire è di quanto sarà più grave, questo danno. “Solo” del doppio o del triplo, o stiamo forse parlando di una diversa magnitudine, cioè di una dimensione dei danni talmente catastrofica da non poterla nemmeno inquadrare in una qualunque “proiezione negativa”, per quanto accurata e pessimistica possa essere?
Di una cosa, per ora, possiamo essere certi: il silenzio mediatico su quello che davvero sta accadendo in Louisiana è totale, e questo purtoppo è un pessimo segno.
Già lo si comprendeva dalla fumosa solerzia con cui ogni sera i network americani si affannano a fingere di “tenerci aggiornati su quanto accade”, senza in realtà aggiungere nulla di nuovo a quanto già sappiamo: il petrolio continua ad uscire, la “campana” installata di recente riesce al massimo ad acchiapparne il 20%, ed ormai anche l’ultimo dei creduloni ha capito che non si potrà fermarlo finchè il nuovo pozzo “parallelo”, destinato a rilevare la pressione dell’intero giacimento, sarà stato completato. Si tratta cioè di perforare almeno 20.000 piedi di fondale marino, e per ora siamo arrivati solo a 7.000.
Come dicono da quelle parti, you do the math. I calcoli fateli voi.
Ma le cose, a quanto pare, stanno ancora peggio di quanto si riesca ad immaginare. Ieri il documentarista James Fox (“Out of the Blue”), che si trova attualmente in Louisiana, …

… ha telefonato ad una radio privata, rilasciando una testimonianza davvero allarmante. Questa è la sintesi:

“Siamo a circa 5-10 miglia da Grand Isle, che è considerata l’epicentro del disastro ecologico. Il cielo è pieno di elicotteri, la Chevron ha una intera flotta di elicotteri che vanno e vengono. Qui si ha la chiara sensazione che a comandare siano le compagnie petrolifere, e non il governo americano. Lo spazio aereo è stato chiuso, e nessuno può sorvolare la zona per fare fotografie o riprese dall’alto. Tutti in giro portano dei distintivi, che sembrano indicare quelli che lavorano alle operazioni di bonifica. La gente evita il nostro sguardo. Ti senti osservato da ogni parte, ma appena guardi nella loro direzione abbassano gli occhi a terra, come se non volessero avere niente a che fare con te. Sono entrato in uno shop, ho ordinato qualcosa, e ho cercato di scambiare due parole con i presenti. Alla fine ho fatto amicizia con due ragazzini, il cui padre sta lavorando alle operazioni di bonifica, e uno di loro mi ha detto “C’è sotto molto di più di quello che si vede da fuori, in questa faccenda del petrolio. I media non riportano nemmeno un decimo di quello che succede davvero”. Pare che chiunque si aggiri con macchine fotografiche o cineprese venga immediatamente arrestato, e che la stessa sorte attenda anche chi si azzardi solamente a farsi intervistare da un qualunque reporter. La gente qui sembra letteralmente pietrificata dalla paura”.

Faccio notare che proprio qualche ore prima, guardando la TV, mi ero reso conto della completa mancanza di interviste agli abitanti della zona: si sentono parlare i vari personaggi della guardia costiera, i sindaci delle città e i governatori delle contee, e ogni tanto si fa vivo persino qualcuno della BP. Ma degli abitanti della zona nemmeno l’ombra, è come se la zona fosse disabitata. E ora che abbiamo sentito James Fox, ne sappiamo il motivo.
Che cosa nasconde questo completo black-out mediatico?
Prima di chiudere, Fox ha detto che in mattinata avrebbe cercato di raccogliere altre informazioni dagli abitanti locali, anche se la loro reticenza a parlare è talmente vistosa che non era certo di riuscire a saperne qualcosa di più.

Fonte: http://ideenet.byethost7.com

mercoledì 14 luglio 2010

Josef Franf: archietto austro-svedese


Josef Frank (nato il 15 luglio 1885 a Baden , morto l’8 gennaio 1967 a Stoccolma ) è stato un celbre architetto austro-svedese. Insieme a Oskar Strand, ha creato la scuola viennese di architettura.
Josef Frank ha trascorso circa metà della sua vita in esilio, per lo più in Svezia. Josef Frank infatti era di origine ebraica, i suoi genitori provenivano da Heves in Ungheria, il padre Ignaz Frank (17 ottobre 1851 – 27 gennaio 1921 Vienna) era un commerciante tessile, la madre fu Jenny Feilendorf (3 settembre 1861 – 10 febbraio 1941 Vienna).
Ebbe tre fratelli: il fratello maggiore Philipp Frank (1884-1966), una sorella minore Hedwig (1987-1966), che si sposò con un importante imprenditore che assegnò al cognato Frank numerosi incarichi e per ultimo il fratello Rudolf Frank (1890-1942).
Ha studiato architettura presso il Politecnico di Vienna, dal 1919-1925 ha insegnato all’accademia di Vienna.
Era un membro fondatore del Wiener Werkbundes.
Nel 1933 è emigrato in Svezia e nel 1939 ha preso la cittadinanza svedese. Ma la sua personalità e le sue oere lavoro sono stati profondamente legati alla sua educazione viennese.
Fu il più rinomato designer della “Stockholmer Designerfirma Svenskt Tenn”.
E’ stato autore di alcuni libri, tra i quali:
“Architettura come icona.Elementi di architettura moderna tedesca” pubblicato nel 1931;
“Il Werkbundsiedlung Internazionale di Vienna nel 1932″, pubblicato nel 1932.

giovedì 24 giugno 2010

Maturità 2010: Terza Prova, ecco come sarà


Dopo la Seconda Prova di ieri, che ha visto i tanti studenti alle prese con le materie di indirizzo, venerdì ci sarà la terza e ultima prova per la Maturità 2010, prima degli orali.
La seconda prova è risultata, almeno per molti studenti intervistati, quella più facile, soprattutto per gli esaminandi di liceo scientifico e liceo classico, che non hanno trovato troppo astrusi la versione di greco e il compito di matematica.
Quest’anno tra la Seconda e la Terza Prova non ci sarà una settimana di tempo, ma bensì solo un giorno. Quindi, gli studenti avranno solo oggi per dare l’ultima ripassata e affrontare il cosiddetto quizzone di venerdì 25 giugno.
La Terza Prova ha lo scopo di verificare le conoscenze dello studente, acquisite durante l’ultimo anno di studi. Per tutti gli studenti che durante l’ultimo anno, hanno studiato una lingua straniera, ci sarà anche l’esposizione in lingua di uno degli argomenti che fanno parte della prova.
La prova, non sarà elaborata dal Ministero, bensì dalla Commissione esaminatrice che sceglierà gli argomenti in base al programma studiato dagli studenti il quinto anno. Le materie scelte saranno comunque quelle trattate dagli insegnanti che compongono la commissione di Maturità.
Gli studenti, devono solo ripassare velocemente, perché nella Terza Prova è necessario conoscere i concetti fondamentali.
Addio forse dal 2012 a questa prova, in quanto il ministro Maria Stella Gelmini vuole introdurre il Quizzone con risposta multipla.

Fonte: http://notiziefresche.info/

mercoledì 23 giugno 2010

Militare italiano muore in un incidente in Afghanistan


Un militare italiano, il caporal maggiore scelto del 32esimo Reggimento Genio Guastatori, Francesco Saverio Positano, è deceduto oggi alle 19.04 locali, a seguito di un incidente avvenuto nei pressi di Shindand, nel corso di una ricognizione condotta da una pattuglia costituita da quattro veicoli della compagnia genio in forza alla Task-Force Centre. Lo riferisce in una nota il comando del contingente italiano ad Herat.
Secondo le prime ricostruzioni, la colonna, costituita da due Lince e due mezzi blindati speciali del tipo "Cougar" e "Buffalo", era ferma per la verifica di un tratto della strada che congiunge Shindand a Herat. Durante la sosta il militare avrebbe perso l'equilibrio cadendo dal "Buffalo" e riportando un forte trauma cranico. Subito soccorso dagli altri componenti della pattuglia e da un'equipe medica giunta pochi minuti dopo sul posto, il militare, apparso già in gravissime condizioni, è stato evacuato in elicottero presso l'ospedale da campo statunitense di Shindand, dove è morto poco dopo nonostante i tentativi di rianimazione.

Fonte: http://mondo.agrigentonotizie.it

SAVIANO UCCISO SU "MAX". LUI: "FOTO DI CATTIVO GUSTO"


«Trovo il fotomontaggio che mi rappresenta morto in obitorio di cattivo gusto». Così lo scrittore Roberto Saviano commenta la fotografia che apparirà nel prossimo numero del mensile Max (in edicola venerdì) nel quale campeggia la sua immagine di cadavere steso su una barella da obitorio con tanto di cartellino di identificazione legato all'alluce, ripreso di scorcio dai piedi. Una postura - accompagnata dalla scritta 'Hanno ammazzato Savianò - che riprende il Cristo di Mantegna e la famosa foto di Che Guevara morto. La notizia dell'iniziativa del mensile è stata anticipata oggi da alcuni quotidiani. «Un'immagine - dice Saviano - utilizzata per speculare cinicamente sulla condizione di chi come me in Italia e all'estero vive protetto. Un'immagine profondamente irrispettosa per tutti coloro che per diversi motivi, spesso lontano dai riflettori, rischiano la vita. Tutta questa pressione sulla mia morte, poi, lascia sgomento me e la mia famiglia. Ad ogni modo rassicuro tutti: non ho alcuna intenzione di morire».

Fonte: http://www.leggo.it

domenica 20 giugno 2010

Stonehenge. Domani si celebra il solstizio d'estate nel misterioso sito


Come ormai avviene da anni migliaia di persone domani 21 giugno raggiungeranno l'Inghilterra e precisamente Stonehenge nel Wiltshire, uno dei luoghi tuttora avvolti dal mistero per celebrare il solstizio d'estate. Per molto tempo si ritenne che questo luogo enigmatico fosse stato eretto in mille anni, dal 2100 al 110 avanti Cristo. Ma nel 1996, dopo un accurato studio da parte della English Heritage Foundation i ricercatori scoprirono che i grandi anelli di pietre furono trasportati in un'epoca più antica e cioè tra il 2600 e il 2030 avanti Cristo.
Tuttavia un anno più tardi arrivò un'altra teoria rimise tutto in discussione, datando questo sito addirittura a 8mila anni a.C.. Ma a parte le varie ipotesi che si sono succedute sulla nascita di questo sito archeologico, rimane un mistero il motivo per cui fu costruito e soprattutto chi e come furono trasportate le pietre, ognuna delle quali pesa circa 50 tonnellate per la considerevole distanza di 385 chilometri. Qualcuno ipotizza che dietro il mistero vi sia uno scopo esclusivamente religioso con tanto di rituali. Le prime notizie su Stonehenge appaiono per la prima volta nel libro De bello gallico di Giulio Cesare, scritto attorno al 50 a.C., che ci riporta sulle orme della religione druidica: "Il principale loro insegnamento - scrisse Cesare - è l'immortalità dell'anima e la sua migrazione dopo la morte, da un corpo all'altro...Vengono anche trattate e insegnate ai giovani molte questioni sugli astri e i loro movimenti, sulla grandezza del mondo e della terra, sulla natura..." Ad ogni modo l'allineamento preciso e la geometria di questo luogo sembrano voler dirci che i costruttori di Stonehenge ritenevano molto importante lo studio astronomico e in particolar modo il solstizio d'estate.

Fonte: http://www.dazebao.org

domenica 13 giugno 2010

Doodle 4 Google – "I love football"


Doodle for Google è un concorso in cui invitiamo i giovani a disegnare il logo di Google con uno stile personale (creando un cosiddetto "doodle").
Il mese scorso abbiamo invitato bambini e ragazzi di età compresa tra i 4 e i 17 anni a dare sfogo alla propria creatività sul tema della passione per il calcio, chiedendo loro di disegnare il logo di Google.
Abbiamo ricevuto moltissimi disegni, opere d'arte adorabili, creative e uniche. Poi abbiamo dovuto scegliere i doodle che sarebbero entrati nella fase finale del concorso: uno de compiti più impegnativi, entusiasmanti e piacevoli, che ci ha tenuti impegnati nelle scorse settimane. Fai clic qui per vedere i finalisti italiani.
Infine, gli utenti italiani hanno votato il loro doodle preferito tra i finalisti.
Il vincitore per l'Italia è: Manuel Colarusso, di 16 anni. Congratulazioni! Oltre a essere mostrato sulla home page di Google Italia, il doodle di Manuel parteciperà al concorso mondiale e avrà la possibilità di essere visualizzato sulla home page di Google a livello internazionale.
Il doodle di Manuel sarà sull'home page di Google lunedì 14 giugno, giorno della prima partita della nazionale italiana ai mondiali del Sud Africa.

Nome: Manuel Colarusso
Età: 16

Il calcio ha spesso creato un legame a volte temporaneo tra persone con culture differenti. Per questo, nel mio logo, ho voluto rappresentare quest'unione che nasce dall'amore per il calcio.

Fonte: http://www.google.it

ECCO LA VERA RAGIONE PER CUI CONTINUA LA FUORIUSCITA DI PETROLIO


Come è risaputo, la Deepwater Horizon è esplosa nel Golfo del Messico. E’ da più di un mese che sta riversando petrolio da un tubo danneggiato.
La BP e il Governo statunitense hanno affermato di stare facendo tutto il possibile per fermare la fuoriuscita di tutti quei milioni di litri di petrolio nel Golfo del Messico.
Sto per contestare tale affermazione, e dimostrare che la storia di loro che cercano di fare tutto il possibile è una bugia, oltre che un’iniziativa redditizia per coloro che possono trarre arricchimento da questo disastro.
Il metodo Top Kill è stato avviato e fermato diverse volte. E’ stato un tentativo incerto. Questo perché non si fanno soldi con una soluzione così semplice.
I soldi veri si fanno con l’uso dei disperdenti.
C’è una compagnia che si chiama NALCO. Loro producono sistemi di purificazione delle acque, e disperdenti chimici.
La NALCO ha base a Chicago, con filiali in Brasile, Russia, India, Cina e Indonesia.
La NALCO è associata a un programma della University of Chicago Argonne. La University of Chicago Argonne ha ricevuto 164 milioni di dollari di fondi incentivi nell’ultimo anno. La University of Chicago Argonne ha appena aggiunto due nuovi dirigenti al suo elenco. Uno della NALCO. L’altro dal Dipartimento dell’Educazione dell’Illinois.
Scavando un po’ più a fondo, si può scoprire che la NALCO ha anche legami con Warren Buffett, Maurice Strong, Al Gore, Soros, Apollo, Blackstone, Goldman Sachs, Hathaway Berkshire.
Warren Buffett e Hathaway Berkshire hanno incrementato le loro quote NALCO proprio lo scorso Novembre (il tempismo è tutto).
Il disperdente chimico è noto col nome di Corexit. Quello che fa è mantenere il petrolio al di sotto della superficie dell’acqua. Dovrebbe scomporre la fuoriuscita in perdite di dimensioni minori. E’ tossico ed è proibito in Europa.
La NALCO afferma di stare utilizzando versioni più vecchie e più recenti del Corexit nel Golfo. (perché si dovrebbe avere bisogno di una versione più nuova, se quella vecchia funziona bene?)
In questa truffa ci sono grandi quantità di denaro, e grandissimi giocatori. Mentre lasciano che il petrolio si diffonda nel Golfo del Messico, la posta in gioco e i profitti salgono.
I delfini, le balene, i lamantini, le tartarughe marine, e i pesci vengono soffocati e muoiono. Le regioni costiere, le paludi salmastre, le attrazioni turistiche e le proprietà balneari vengono distrutte, anche permanentemente. La qualità dell’aria si abbassa. L’industria peschiera del Golfo del Messico viene messa in ginocchio.
Tutto questo per creare la richiesta del loro costoso e redditizio veleno.

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org

venerdì 11 giugno 2010

Mondiali di calcio 2010. La prima volta del Sudafrica


Come le Olimpiadi 2008 per la Cina, così i Mondiali di calcio 2010 rappresentano un traguardo storico per il Sudafrica e per l'Africa intera, che ospitano per la prima volta uno dei più importanti eventi sportivi internazionali. Il paese ha compiuto uno sforzo enorme per giungere preparato all'appuntamento e per presentarsi al mondo senza sfigurare al confronto dei predecessori. Non si è trattato soltanto di costruire gli impianti sportivi necessari. Innanzitutto occorreva potenziare le vie di comunicazione: l'8 giugno è stato inaugurato, ad esempio, il primo collegamento ferroviario ad alta velocità di tutto il continente, che consente di percorrere la distanza tra il centro di Johannesburg e l'aeroporto in 15 minuti. Ma prima ancora è stato necessario mettere in sicurezza quelle esistenti: anche a causa delle pessime condizioni stradali, ogni anno muoiono oltre 15.000 persone in incidenti, più del doppio che in Italia, dove però i veicoli sono oltre 43 milioni contro i 9 circolanti in Sudafrica. Con orgoglio, a marzo, il ministro dell'Ambiente ha poi annunciato che nelle città che ospitano i mondiali gli alberghi potranno fornire ai clienti acqua potabile, diversamente da quanto succede in tanti altri Stati africani, e ha assicurato l'assenza di malattie causate da acqua di cattiva qualità.
Occorreva anche fornire un'immagine dignitosa e rassicurante. Per questo decine di migliaia di persone nelle città principali sono state costrette dalle autorità, senza tanti complimenti come d'altra parte succede continuamente in tutto il continente, ad andarsene perdendo abitazioni e attività economiche: nella sola Città del Capo 20.000 persone sono state sfrattate e rinchiuse in un campo per profughi; dappertutto venditori ambulanti e mendicanti sono stati allontanati dai quartieri che ospiteranno i turisti sportivi. Le forze dell'ordine, inoltre, hanno attuato una sorta di «repressione preventiva» intervenendo negli ultimi mesi con speciale frequenza e determinazione per scoraggiare le manifestazioni di protesta e i continui episodi di violenza urbana che si verificano soprattutto nelle affollate township dove milioni di persone vivono il disagio della povertà, a cui si aggiunge la frustrazione delle promesse mancate dei governi post apartheid che avevano garantito case, luce elettrica, acqua corrente, fognature, sistemi di raccolta dei rifiuti: in sostanza per tutti una qualità di vita migliore che invece ancora manca alla maggior parte della popolazione.

Fonte: http://www.ragionpolitica.it

giovedì 10 giugno 2010

ARRIVA FRONTIERVILLE FACEBOOK DA FAR WEST


Zynga, madre del gioco più gettonato del social network che conta quasi 70 milioni di contadini virtuali, ha lanciato Frontierville, mondo parallelo in cui gli utenti possono sperimentare territori selvaggi e cominciare una nuova vita. Cercatori d'oro virtuali alla conquista del West: potrebbe essere questo il nuovo "tormentone" del popolo di Facebook, già drogato dal mondo contadino di Farmville. «I giocatori possono crearsi una famiglia virtuale nel Far West - spiega Brian Reynolds, general manager di Frontierville - 'sposarsì e allevare piccoli avatar». Nuove anche le possibilità di interazione con gli 'amicì, che ad esempio potranno essere assoldati per lavorare nella propria tenuta. In un primo momento il gioco sarà accessibile soltanto da Facebook, ma in futuro non si esclude che possa aprirsi ad altre piattaforme. La società californiana ha appena rilasciato un'applicazione di Farmville per iPhone e di recente ha stretto un accordo con Yahoo! per portare i suoi giochi anche sui siti della compagnia di Sunnyvale. Secondo i dati forniti da Zynga, sono più di 230 milioni gli utenti complessivi dei suoi giochi su Facebook, tra Farmville, Cafe World, Mafia Wars e Treasure Isle per citarne alcuni, in pratica quasi la metà degli utenti del social network.

Fonte: http://www.leggo.it

martedì 8 giugno 2010

ROMA, MILITARI AVVISTANO UFO: "GIRAVA SUL CUPOLONE"


Misterioso avvistamento nei cieli di Roma. Tre soldati hanno denunciato di aver avvistato e filmato un oggetto volante con tre punti luminosi sospeso nel cielo. L'avvistamento è avvenuto l'altra notte alle 4. L'oggetto, che volteggiava praticamente nell'orbita del Cupolone, è stato avvistato da tre militari del 17esimo Reggimento di stanza a Sabaudia: in pratica, la Contraerea. A riportare la notizia è 'Il Messaggerò, che spiega che i tre soldati "erano in servizio di piantonamento, davanti alla residenza dell'ambasciatore americano presso la Santa Sede". "Dopo l'avvistamento hanno fermato una pattuglia dei carabinieri", prosegue il quotidiano, che aggiunge che "è stata avvisata la centrale e controllata la zona". Secondo quanto riferito dal 'Messaggerò, «i tre militari della Contraerea hanno compilato un modulo, quello previsto per il 'Rilevamento ottico di ufò. Nella descrizione si parlerebbe di tre 'oggetti di forma sferica particolarmente luminosà e 'sospesi a circa 100 metri da terrà".. "Proprio domenica scorsa, cioè 8 ore prima al Gianicolo - prosegue il quotidiano - numerosi automobilisti che percorrevano l'Aurelia e l'Autostrada A12 nel tratto compreso tra Civitavecchia e Santa Marinella, hanno dichiarato di aver visto un oggetto di forma circolare e molto luminoso attraversare il cielo".

Fonte: http://www.leggo.it

lunedì 7 giugno 2010

Camminare sull'acqua in un pallone? In India si può


Potrebbe diventare lo sport dell'estate: è il water walking, letteralmente camminare sull'acqua e non è riservato solo alle "divinità in erba". Si tratta di passeggiare in questo pallone gigante, gonfiato ad aria, che consente di non affondare e anche di smaltire calorie quanto una faticosa seduta in palestra."Anche se non riesco ancora a tenere l'equilibrio - dice questa ragazza - è molto divertente e sono già riuscita a perdere un chilo in una sola settimana""Ho publicizzato questa iniziativa per i turisti, soprattutto per i bambini - spiega Manojit, promoter della Water walking ball - tuttavia abbiamo scoperto che puo' servire anche per l'esercizio fisico, quindi realizzeremo nuove palle galleggianti".Si puo' passeggiare da soli o in compagnia ma, come si vede, non è facilissimo anche se sono tutti d'accordo sul fatto che andare in giro sull'acqua è molto più divertente che sudare su un tapis roulant.

Fonte: http://video.tiscali.it

Texas, forte esplosione in un pozzo di estrazione di gas


Un pozzo di estrazione di gas è esploso in Texas. Da quanto riferito dal Dallas News ci sarebbero 3 morti e 10 dispersi. Notizie che non trovano conferme tra i responsabili dei soccorsi: “Stiamo tentando di bloccare l’afflusso di gas per poi avvicinarci e fare un bilancio dei danni a cose e persone”.
Non si hanno ancora notizie concrete sulle cause dell’esplosione ma le immagini televisive immagini hanno mostrato una grande palla di fuoco arancione ardente e alcuni veicoli carbonizzati. L'impianto di gas naturale si trova nella Contea Johnson (in Texas). Da quanto riferito dai testimoni l'esplosione ha fatto tremare la terra per una decina di minuti.
L'incidente si sarebbe verificato ad una conduttura di gas appartenente alla Enterprise Product Partners. La conduttura attraversa gran parte dello stato del Texas trasportando gas naturale tenuto sotto alta pressione.
Le autorità locali hanno detto che non è stata ordinata per il momento alcuna evacuazione dell'area vicina al luogo dell' incidente che si trova a circa 50 miglia (80 chilometri) a sud-ovest di Dallas.

http://tg24.sky.it

APPLE: IPHONE 4G, IN VENDITA DAL 24 GIUGNO A 199 E 299 DLR


L'iPhone 4G sara' in vendita dal 24 giugno in Usa, Gran Bretagna, Francia, Germania e Giappone a 199 e 299 dollari, rispettivamente la versione da 16GB e 32 GB.
Con i suoi 9,3 millimetri di spessore, e' il 24% piu' sottile del 3GS, ed ha due microfoni, display con una risoluzione quattro volte superiore e una fotocamera frontale per le videochiamate. Migliora anche la qualita' delle immagini: la videocamera posteriore da 5 megapixel e' dotata di flash.

Fonte: http://www.agi.it

MORTO CABLE, BATTERISTA DEGLI STEREOPHONICS


Stuart Cable, l'ex batterista degli Stereophonics, è stato trovato morto nella sua abitazione nel villaggio di Llwydcoed, nel Galles meridionale. Aveva 40 anni. Un portavoce della polizia ha affermato che le indagini sul decesso sono in corso ma che per ora non sembra che le circostanze della morte siano sospette. Cable aveva fondato gli Stereophonics nel 1992 insieme a Kelly e Richard Jones e nel giro di quattro anni il gruppo aveva raggiunto una fama internazionale. Il batterista era stato licenziato dalla band nel 2003 a causa di alcune incomprensioni con Kelly Jones e perchè voleva coltivare la sua carriera di presentatore televisivo e radiofonico. recentemente aveva ricominciato a suonare con la band Killing for Company. Soltanto sabato sera gli Stereophonics avevano tenuto un concerto davanti a 30mila persone al Cardiff City Stadium, ma lui non era andato a trovare la sua ex band, con la quale aveva firmato pezzi che avevano scalato le classifiche internazionali come Have a nice day.

Fonte: http://www.leggo.it

sabato 5 giugno 2010

Schiavone vince il Roland Garros


PARIGI - Francesca Schiavone entra nella storia del tennis. La Leonessa ha vinto il Roland Garros, il più importante torneo del mondo sulla terra battuta, superando in finale l’australiana Samantha Stosur, numero 7 del mondo, con il punteggio di 6-4 7-6 (2) in un’ora e 37’. È la prima vittoria di una tennista italiana in una prova del Grande Slam. In campo maschile ci era riuscito Adriano Panatta, nel lontano 1976, proprio sulla terra rossa di Parigi. Grazie a questo trionfo la tennista milanese diventerà numero 6 nel ranking femminile.
L’azzurra ha compiuto l’impresa con una prestazione memorabile per qualità, personalità e intelligenza tattica. Non si è fatta impressionare dall’avvio lanciato dell’avversaria: la Stosur non ha concesso nemmeno un punto nei primi 2 turni di battuta. La Schiavone ha avuto il merito di rimanere in scia, tenendo testa alla rivale con 2 ace. Il quinto gioco è stato il più combattuto della fase iniziale del match. L’australiana ha cominciato con un paio di errori ma da 0-30 ha rimediato grazie alla potenza del servizio e del dritto. Alla battuta si è aggrappata anche l’azzurra, che ha trovato il prezioso terzo ace per evitare guai nell’ottavo game. Sul 4-4, è arrivata la svolta del primo parziale. Con una condotta impeccabile, impreziosita da un attacco perfetto, la Schiavone si è procurata 3 palle break: la Stosur ha annullato le prime 2 ma si è arresa sulla terza. Avanti 5-4, la "leonessa" ha risolto i problemi aggrappandosi alla prima di servizio e ha completato l’opera quando la sua avversaria ha affondato in rete l’ennesimo rovescio: 6-4 in 40’.
La Schiavone ha continuato ad interpretare la sfida in maniera perfetta anche all’inizio del secondo set. Ha costretto la Stosur a scelte tattiche sgangherate e punito l’avversaria spesso incerta a rete. La Stosur ha però cambiato marcia imponendo il ritmo con il solito dritto martellante. È scappata sul 4-1, dando l’impressione di poter agevolmente approdare al terzo set. All’improvviso, però, ha dovuto fare i conti con una rivale rinata. La Schiavone, latitante per un paio di game, è rientrata prepotentemente in partita con una reazione degna del suo soprannome. Ha ritrovato il servizio ed è risalita fino al 4-4, tenendo poi il passo con altri 2 ace determinanti per confezionare il 5-5. Senza sussulti, il set è arrivato all’epilogo del tie-break. Dal 2-2, l’azzurra ha regalato prodezze a ripetizione: 4 punti vincenti per arrivare al 6-2. Il primo matchpoint è stato sufficiente: la Stosur si è arresa dopo 1h37’.
All’errore della sua avversaria che le ha regalato la vittoria, l'azzurra ha alzato le braccia al cielo agitandole in segno di incredulità per poi gettarsi, esausta e felice, a terra con le mani al viso prima di baciare la terra del campo centrale Philippe Chatrier del Roland Garros. Quindi la Schiavone ha raggiunto il gruppo di amici e parenti che per tutto l’incontro l’ha incoraggiata e si è stretta in un abbraccio col suo allenatore Corrado Barazzutti. Si è poi arrampicata in cima agli spalti del centrale del Roland Garros per concedersi un bagno di folla tra i suoi tifosi più accaniti. Gioendo tra il pubblico, la tennista di Milano è stata coperta da una grande bandiera italiana.
"Mi sento una vera campionessa, mi sento fantastica". Francesca Schiavone fatica a controllare l’emozione nella cerimonia di premiazione dopo il trionfo nella finale del Roland Garros. "Devo dire qualcosa... non ho preparato niente... ", abbozza la milanese dopo aver ricevuto il trofeo dalle mani di Mary Pierce, ex fuoriclasse franco-canadese. L’azzurra progressivamente si scioglie rivolgendosi al pubblico che ha gremito gli spalti del campo Phillipe Chatrier. In particolare, rende omaggio all’avversaria battuta oggi, l’australiana Samantha Stosur. "È una grande atleta, una grande persona", dice in inglese prima di parlare direttamente alla 26enne di Brisbane: «Meriti di essere qui la prossima volta, sei ancora molto giovane».
In italiano, si rivolge al suo entourage e ai suoi tifosi: "Penso che senza il vostro supporto non sarei quello che sono e non avrei fatto quello che ho fatto. Siete nel mio cuore". Quindi, il saluto ai genitori: "Vorrei salutare mamma e papà che sono a casa". Per chiudere, in un clima sempre più informale, il ringraziamento alla Pierce: "Grazie per essere qui oggi". La tennista ha poi ricevuto una telefonata di complimenti del presidente della Repubblica Napolitano.

Fonte: http://www.lastampa.it

Ologrammi e Olografia


Di recente hanno fatto un sacco di scalpore le nuove tecnologie 3D cinematografiche, che ci permettono di gustare come mai prima d’ora film come Avatar. Quello che la maggior parte delle persone ignora è che in effetti si tratta di un 3D percepito, ma non effettivo. Le immagini rimangono bidimensionali, e l’effetto 3D è ottenuto tramite la sovrapposizione di due differenti set di fotogrammi “sfalsati” tra loro, che se visualizzati con gli opportuni occhialini, restituiscono la sensazione di profondità al nostro occhio. In pratica si gioca sulle capacità interpretative del nostro cervello in fatto di immagini, tant’è che alla fine della visione, e anche durante la stessa, le sensazioni che si provano possono anche provocare fastidio negli osservatori più sensibili. Tuttavia la teoria per creare delle immagini che siano effettivamente volumetriche e tridimensionali esiste… Benvenuti nel mondo della olografia…
Il termine olografia deriva dal greco hólos, “tutto”, e grafē, “disegnare”. Sin dal nome si intuisce che, differentemente da quanto accade nella fotografia, un ologramma è in grado di riprodurre un oggetto da tutti i possibili punti di vista. Premetto subito che siamo ben lontani dall’aver sviluppato un sistema di display volumetrici in grado di generare immagini olografiche arbitrarie, e per ora siamo vincolati a riprodurre esclusivamente immagini statiche registrate in precedenza. È anche vero che ora come ora l’interesse principale per l’olografia risiede nella capacità di queste tecniche di incrementare incredibilmente la capacità di immagazzinamento dei supporti di memorizzazione ottica: una memoria olografica potrebbe sfruttare letteralmente una dimensione spaziale in più per immagazzinare i dati, essendo in grado di utilizzare l’intero volume della cella di memoria anziché la sola superficie.
I principi che stanno dietro alle tecniche olografiche sono fondamentalmente due. Il primo, l’interferenza delle onde elettromagnetiche, stabilisce che la sovrapposizione di due o più onde elettromagnetiche dà origine ad una terza onda, somma delle prime due. Il secondo è la diffrazione, che stabilisce le regole secondo le quali la luce curva o meno incontrando ostacoli sul proprio cammino. Mentre in una fotografia si registra una mappa di intensità della luce (tot punti di tal colore e intensità) da un unico punto di vista (quello della macchina fotografica), l’ologramma registra quello che viene definito speckle pattern di interferenza. All’atto pratico, un fascio di luce coerente (ovvero in cui tutte le onde elettromagnetiche hanno all’incirca tutte la stessa frequenza e quindi differenza di fase costante, come in un laser) viene diviso in due parti separate. Una di queste (il fascio di illuminazione) incide sull’oggetto che si vorrà poi riprodurre, e rimbalzando da esso impressiona il mezzo di registrazione (che può essere anche una lastra fotografica).
Nello stesso momento, la lastra viene impressionata anche dal secondo fascio, detto “di riferimento”, cosicché in effetti a venir registrata è l’interferenza risultante dall’interazione dei due fasci.

Fonte: http://www.camminandoscalzi.it

venerdì 4 giugno 2010

Giornata dell'Ambiente, le iniziative e il Panda d'Oro del Wwf


Nella Giornata mondiale dell’Ambiente - istituita dall’Onu per ricordare la conferenza di Stoccolma sull'ambiente umano del 1972, da cui prese avvio il Programma Ambiente delle Nazioni Unite e che sabato 5 giugno verrà celebrata in tutto il mondo sotto l’egida dell’ONU dal titolo “Milioni di specie. Un pianeta” - il Wwf Italia promuove nel corso del weekend decine di iniziative diverse in varie parti del Paese ma con un comune denominatore, ovvero il richiamo ad un’attenzione alla tutela delle risorse naturali del pianeta, per diffondere la cultura ambientale e tutelare concretamente il nostro patrimonio naturale.
In particolare, nella Giornata mondiale dell’Ambiente, il Wwf lancerà il “Panda d’oro”, l’Oscar per l’ambiente italiano, che premierà ad autunno i migliori progetti di conservazione, gestione e valorizzazione della biodiversità, e consegnerà una speciale Menzione Wwf, nell’ambito del festival CinemAmbiente di Torino rivolta ai cortometraggi internazionali di denuncia delle tematiche ambientali.

IL PANDA D’ORO 2010
La Giornata dell’Ambiente si aprirà con il via sul sito del Wwf www.Wwf.it alle candidature per l’Oscar per l’Ambiente del Wwf, il Panda d’Oro 2010. Giunto alla sua quinta edizione il premio è assegnato ai progetti che rappresentano buone pratiche per la conservazione della biodiversità. Edizione speciale nell’Anno della Biodiversità che coinvolgerà una giuria popolare che potrà sceglierà il progetto migliore. Le candidature potranno provenire da Enti, Regioni, Province, Comuni, Comunità Montane, Enti Parco e altri enti gestori di aree naturali protette, Agenzie Regionali per la protezione dell’Ambiente o altre agenzie o enti che svolgono progetti sulla biodiversità, ma anche società private di progettazione. Dal 3 settembre si potrà votare il progetto migliore scegliendo sul sito tra quelli selezionati da una speciale commissione del Wwf. La cerimonia di premiazione è prevista il 4 ottobre. 5 le categorie individuate: “Terra-specie”, “Terra-habitat”, “Mare-Specie”, “Mare-habitat” e “Custode della biodiversità”, ovvero, premio riservato ad una persona che si è particolarmente distinta per un’azione concreta per la conservazione, gestione e valorizzazione della biodiversità. Nelle 4 edizioni precedenti il Wwf ha premiato progetti che hanno coinvolto praticamente tutte le regioni, sia come enti che come territorio interessato, con un primato all’Emilia Romagna. Tra gli enti maggiormente premiati le Province che hanno visto assegnarsi ben 8 Panda d’Oro, seguite dagli Enti gestori di aree naturali protette (6) e il Corpo Forestale dello Stato (4). Molti dei progetti premiati erano interessati da finanziamenti Life dell’Unione Europea. Un’edizione speciale nel 2005 venne dedicata al turismo sostenibile.

Gli eventi previsti per la Giornata dell’Ambiente:

CINEMAMBIENTE - TORINO
La 13ma edizione del Festival CinemAmbiente è realizzata con la speciale partnership del Wwf che partecipa con tre novità. Per il Wwf è infatti importante riconoscere, valorizzare e sostenere l’impegno delle arti che lavorano per la diffusione e sensibilizzazione sul tema della biodiversità, per renderla visibile e condivisibile come patrimonio comune. E’ stata creata una Menzione Wwf rivolta ai cortometraggi internazionali che partecipano al Festival per individuare quello che meglio rappresenta le tematiche di denuncia dei problemi ambientali o dello sviluppo sostenibile o più in generale del rapporto tra uomo e ambiente. Sabato 5 giugno Evento speciale Wwf . Alle ore 16,30 nell’ambito degli eventi del festival verrà riproposto al pubblico il celebre lungometraggio “Anima Mundi” di Godfrey Reggio, che fu realizzato nel 1991 per la prima campagna sulla biodiversità del Wwf internazionale, grazie alla donazione di Bulgari. Sarà presente Isabella Pratesi responsabile conservazione del Wwf Italia. In concorso al Festival si vedrà anche il film "Il suolo minacciato del regista Nicola dall’Olio, prodotto da Wwf e Legambiente di Parma. Il documentario tratta lo scottante tema del consumo del suolo partendo dall’esempio della pianura padana.

VILLA ADA RACE TUTTA ‘ECOLOGICA’
La quinta edizione della corsa nella storica villa della Capitale è dedicata alla biodiversità e celebrata nella Giornata Nazionale dello Sport. Domenica 6 giugno l’appuntamento annuale, convocato dall’Associazione Podistica Dilettantistica Villa Ada Green Runner e che gode del patrocinio del Municipio Roma II, devolverà i fondi raccolti dall’iscrizione della gara al Wwf per sostenere le azioni di conservazione nel territorio del Lazio. Nel tempo il comune impegno per la tutela del complesso Monumentale di Villa Ada - Monte Antenne ha naturalmente evoluto la collaborazione tra Villa Ada Green Runner e Wwf in una scommessa per il futuro delle risorse naturali e della biodiversità, avviando un percorso che, traendo ispirazione dal patrimonio naturalistico della villa storica, ha raggiunto obiettivi volti alla sostenibilità ambientale. Villa Ada Race promuove infatti la raccolta differenziata spinta, mettendo a disposizione bidoncini per il corretto conferimento dei rifiuti, utilizza bicchieri in materiale compostabile, privilegiando dispenser riutilizzabili per acqua e bevande. La gara di 5,5 km, si svolgerà su strada sterrata nel cuore di una delle più belle Ville Storiche di Roma, è competitiva ed è stata inserita nel calendario FIDAL (Federazione Italiana Atletica Leggera). È prevista anche una corsa non competitiva aperta a tutti. A seguire la corsa dei bambini dai tre anni in su. Tra i premi di quest’anno anche di alcuni prodotti “Terre delle Oasi” provenienti dai territori protetti dal Wwf. Verranno premiati i primi tre assoluti uomini e donne, oltre ai premi per le società con più atleti iscritti arrivati. Ogni atleta sarà dotato di un chip per la rilevazione cronometrica. La partenza è alle 9.30, mentre il ritrovo è dalle ore 08,00 in via di Ponte Salario zona laghetto. Per le iscrizioni: info@villaadagreenrunner.it oppure 3391341457

RINGRAZIAMENTO SPECIALE NELL’OASI DI BOSCO ROCCONI
IN TOSCANA
Cinque ettari di natura protetta grazie a una coppia di neo sposi In questa giornata il Wwf vuole ringraziare in modo speciale la coppia di sposi Claudia Canessa e Lorenzo Agnoletto che hanno devoluto il corrispettivo dei loro regali di nozze per l’acquisto e la tutela di un pezzo di natura. Grazie ai fondi raccolti tra parenti e amici in occasione del loro matrimonio il Wwf ha infatti potuto allargare l’oasi Wwf di Rocconi, in Toscana, di ben 5 ettari. In una cerimonia dedicata agli sposi il Wwf inaugurerà il nuovo tratto protetto in una delle zone più selvagge, sovrastante le “Strette dell’Albegna”. L’oasi nata nel 1995 si trova nella Maremma interna, ed è particolarmente aspra e selvaggia, alte pareti verticali e pinnacoli rocciosi sovrastano un bosco di latifoglie e due corsi d’acqua.

VOLONTARI ALL’OPERA NELLA SELVAGGIA SPIAGGIA DI BURANO
Una giornata di volontariato in una delle spiagge più belle e meglio conservate del litorale tirrenico. Questi 12 km di costa nell’Oasi Wwf “Lago di Burano” rappresentano ancora un ecosistema dunale mediterraneo ben conservato poiché è possibile osservare piante rare come la santolina delle spiagge, il giglio delle sabbie, l’eringio, ecc, e incontrare coleotteri come la pimelia, la tentiria, o addirittura la rarissima eurinebrya, ma anche uccelli come il fratino o addirittura il succiacapre che talvolta nidifica tra i legni spiaggiati. L’appuntamento è per domenica 6 giugno (e per tutte le 3 domeniche successive) alle ore 8.30 presso il Centro Visite dell’Oasi. Il pranzo è offerto dall’Oasi.

FESTA DELLE LUCCIOLE NEL GIARDINO
DI VILLA REGINA-LIVORNO
Una serata ad ammirare le piccole lucciole nel Giardino delle Farfalle di Villa Regina, gestito dal Wwf Livorno.Questi piccoli insetti in questo periodo si concentrano nei lembi ancora privi di veleni e pesticidi. Sabato 5 giugno alle ore 21.30 la Festa delle lucciole sarà nel parco di villa Regina a partire dalle 21.30. L’ingresso è da Borgo Cappuccini. Ogni giardino, per quanto piccolo, può costituire un'oasi, dove tra i palazzi della città è ancora possibile vedere lo spettacolo notturno delle lucciole. I visitatori saranno accompagnati all’interno del parco pubblico per osservare un angolo di campagna, riscoprire i profumi, il silenzio e le piccole lucciole nell’oscurità: una serata alternativa ai consueti divertimenti estivi dei cittadini livornesi. La festa sarà a basso impatto ambientale: non sono previste grandi infrastrutture, un’illuminazione modesta, i suoni e le voci mantenute a basso volume. Questa festa vuole riproporre il concetto di parco pubblico come luogo di pace ed armonia per uomini e animali, come oasi e rifugio dallo stress cittadino. Il parco non risente di un alto inquinamento luminoso e le piante e i prati non sono trattati né con pesticidi né con altre sostanze indesiderate, soprattutto presso il Giardino delle Farfalle creato dal Wwf appositamente per accogliere insetti. Nel mese di giugno, cioè durante il periodo riproduttivo, le lucciole invadono il Giardino: potremo così muoverci tra decine di lanternine ondeggianti. I visitatori, organizzati in gruppi, saranno guidati dall’ingresso del parco posto in Borgo dei Cappuccini fino all’area del Giardino delle Farfalle. Gli accompagnatori avranno con sé torce elettriche. Sul posto, esperti entomologi illustreranno il fenomeno della bioluminescenza e descriveranno con brevi cenni la vita delle lucciole e altri insetti. L’unica eccezione, in questa notte buia, sarà rappresentata da alcune lampade a gas accese dietro ad un telo bianco che costituiranno una mini-postazione per osservare falene e coleotteri. A disposizione di tutti i visitatori saranno un'area per bambini con giochi sul tema degli insetti, un banchetto organizzato dagli attivisti della Sezione Wwf con depliant e materiale informativo, ed un piccolo buffet.

Fonte: http://www3.lastampa.it

mercoledì 2 giugno 2010

Mondiali 2010

martedì 1 giugno 2010

Yahoo vira verso il crowdsourching e acquisisce Associated Content


Tra i 90 e i 100 milioni di dollari. Questa la cifra spesa da Yahoo per l'acquisizione di Associated Content, un popolare sito di citizen journalism che in cinque anni ha raccolto qualcosa come due milioni di articoli e circa 300mila contributors. Il funzionamento del sito è semplice: si crea del contenuto originale (articoli, video, immagini o audio) su qualsiasi argomento; ci si connette così con un'audience di 30 milioni di visitatori mensili e si guadagna denaro ogni volta che il contenuto è visto.
Che Yahoo stia rivedendo tutta la sua strategia a proposito del media business è ben noto da tempo. Ma questa notizia ha lasciato perlplessi molti addetti ai lavori. Da una parte l'interesse di gettarsi nel mondo in costante crescita del crowdsourching media è incentivato dal tentativo di contrastare Aol, molto impegnato ultimamente nel settore dei "demand media". Ma ciò non basta a convincere gli esperti e proprio sulla filosofia dei demand media ci sono le maggiori perplessità.
I concetti chiave di questo modo di creare contenuti sono: basso costo, spesso bassa qualità ma la possibilità di essere ottimamente indicizzati nei motori di ricerca. Una filosofia che si discosta anni luce dalla ricerca del contenuto online "con il pedigree" che aveva contraddistinto l'azienda di David Filo e Jerry Yang sin dal 1994, un brand su cui gli altri brand fanno affidamento.
Che ne sarà dello spettro della "qualità"? Per alcuni Yahoo è semplicemente interessata alla tecnologia della piattaforma di Associated Content. Una tecnologia che però da sola non vale 100 milioni di dollari.

Fonte: http://reporters.blogosfere.it

domenica 30 maggio 2010

WIKIPEDIA, ARRIVA IN RETE QUELLA DELLA CREATIVITÀ


Creativi d'Italia, unitevi. Potrebbe essere questo lo slogan di Best Creativity, la prima piattaforma italiana che punta a mettere a disposizione di tutti i creativi del web l'opportunità di aggiudicarsi un progetto sulla base del principio del crowdsourcing, lo stesso su cui si regge il sito Wikipedia. «È un principio in cui credo molto», dice il fondatore Giulio Ardoino, informatico di 38 anni di Genova che si avvale della collaborazione del web designer Giuliano Ambrosio, 24 anni di Torino. Entrambi, con le loro esperienze passate (il primo ha lanciato un aggregatore di news italiano Zic Zac, il secondo il blog Julius Design) sono un esempio di come anche in Italia ci sono i fermenti di una piccola Silicon Valley. Come funziona Best Creativity? «Se un'azienda ha bisogno di rifare la veste grafica, il proprio marchio, o studiare una nuova formula di design che la rappresenti, lancia un contest sul sito, praticamente una gara, spiegando le sue richieste e quanto è disposta a pagare - spiega Ardoino -. Nel tempo prestabilito arrivano le proposte dagli iscritti alla gara, l'azienda le esamina, sceglie quella che le sembra migliore e paga il creativo o il team di creativi che l'ha inventata. Sono ammessi non solo i professionisti ma chiunque voglia partecipare, anche studenti o casalinghe. Purchè abbiamo un'idea e rispettino le regole del contest». Ovviamente si può interloquire con il cliente in modo da rendere il progetto finale il più aderente possibile alle richieste. Le proposte che arrivano dalla Rete sono tutte visibili, seguendo un non trascurabile principio di trasparenza. Chi lancia il contest decreta il vincitore che si aggiudica il premio e consegna anche il progetto nel formato richiesto (solitamente Psd di Photoshop o Illustrator). Tutti i passaggi sono spiegati su http://it.bestcreativity.com/. Per dimostrare che il modello può funzionare Ardoino e Ambrosio hanno lanciato il primo contest proprio per cercare il logo della loro piattaforma: sono arrivate 272 proposte, il vincitore si è aggiudicato 200 euro. E da pochi giorni è attiva un'altra gara, per la Ligure Calcestruzzi, sono già arrivate 116 proposte, anche queste tutte visibili sul sito. Il progetto e le novità di Best Creativity si possono seguire anche su Facebook e Twitter. Il sito allo stato attuale è in italiano ed è lanciato solo nel nostro paese, ma è stato studiato per essere localizzato in diverse lingue. «Tutta la parte in inglese è già pronta - sottolinea Ardoino - e abbiamo un collaboratore che vive negli Usa. Sarà il prossimo passo». Certo non semplice, vista la concorrenza americana che vanta siti con lo stesso meccanismo come, solo per fare un esempio, 99design.com che fa numeri incredibili («più di 29mila clienti soddisfatti», si legge sulla homepage) e che è stato addirittura citato da Amazon come case study (http://aws.amazon.com/solutions/case-studies/99designs/). «Non so onestamente come riuscirò a fargli competizione, non è semplice avviare in Italia un'attività in grado di competere con l'agilità e i finanziamenti di cui possono godere le attività che nascono all'estero - conclude Giulio Ardoino -. Comunque ci proveremo anche trovando un partner, in corsa. Credo in questo modello e penso possa attrarre investimenti sul web».

Fonte: http://www.leggo.it