giovedì 29 aprile 2010

Vive senza mangiare e bere da 74 anni


Un asceta indù sopravvive senza mangiare e senza bere da 74 anni. L'uomo, che si chiama Prahlad Jani e ha 82 anni, si trova sotto esame in un ospedale dello stato settentrionale del Gujarat. Un team di medici del Defence Institute of Physiologist and Allied Science (Dipas), un centro di ricerca della difesa, intende scoprire qual è il segreto di questa sua straordinaria capacità di resistenza, dovuta a un'antica tecnica di meditazione yoga. Jani era già stato esaminato nel 2003 da un?altra squadra di medici, che non erano riusciti a spiegare scientificamente il fenomeno. Sembra che lo «yogi», che si trova in perfetta salute, «sia capace di produrre urina nella sua vescica e poi in base alla sua volontà di rimandarla in circolo» spiega il medico Sudhar Shah. Nato in un povero villaggio del Gujarat, il santone sostiene di aver ricevuto questi suoi poteri speciali da una divinità all?età di otto anni. La tecnica è conosciuta come «breatharianismo» e consiste nel raggiungere con il potere mentale il totale dominio delle proprie funzioni corporee.

Fonte: http://www.mirror.co.uk

Marea nera di petrolio, scoperta nuova falla


La Guardia costiera degli Stati Uniti ha reso noto che nel pozzo petrolifero sotto la piattaforma affondata nel Golfo del Messico è stata scoperta una nuova falla e che la quantità di greggio che fuoriesce è cinque volte superiore a quella stimata inizialmente. Il governatore dello stato della Louisiana ha chiesto un aiuto d'urgenza al governo federale per proteggere le coste minacciate dalla marea nera. "Hanno scoperto una nuova perdita", ha detto l'ufficiale della Guardia costiera Erik Swanson, riferendosi alla compagnia petrolifera BP, proprietaria della piattaforma affondata. La nuova falla si trova a 1.525 metri di profondità.
"Il comando unificato stima la perdita a più di 5.000 barili al giorno" ha aggiunto l'ufficiale. La nuova perdita è stata confermata da un portavoce della BP, Michael Abdenhoff, che però ha contestato l'aumento della quantità di greggio dispersa: "Noi pensiamo che il volume di quello che si disperde resti invariato", ha detto. Il governatore dello stato della Louisiana, Bobby Jindal, ha reso noto con un comunicato di aver sollecitato un aiuto supplementare da parte del ministero della Sicurezza interna "dopo le notizie secondo le quali una parte della chiazza sta ormai per toccare le coste della Louisiana, prima di quanto previsto inizialmente".
Secondo gli esperti, la marea nera di petrolio che si sta allargando nel golfo del Messico potrebbe toccare le coste dello stato già nella serata di domani. Ieri le autorità hanno cominciato a bruciare in modo controllato una parte della chiazza, per ridurne le dimensioni.
Le autorità americane che stanno lavorando per evitare una catastrofe ambientale nelle coste meridionale del Paese hanno appena cominciato a bruciare una parte dell'enorme marea nera di petrolio che galleggia al centro del golfo del Messico. Lo ha fatto sapere la Guardia Costiera. Si tratta di una misura che è stata annunciata in giornata e che è stata adottata per tentare di evitare l'avanzata della chiazza verso terra.

Fonte: http://www.ansa.it

mercoledì 28 aprile 2010

Juve, un Agnelli torna presidente


TORINO - Un Agnelli torna alla presidenza della Juventus. L'ultimo fu Umberto, quasi 50 anni fa, il prossimo sarà il figlio Andrea. La notizia, trapelata durante l'assemblea della Exor, società che detiene il pacchetto di maggioranza del club bianconero, è ora ufficiale E' stato lo stesso John Elkann a chiedere al cugino Andrea, 34 anni, di assumere la presidenza del club.
"E' la dimostrazione che la famiglia è unita -dichiara John Elkann, appena nominato presidente della Fiat - è vicina alla squadra e continua con il suo impegno. Ho chiesto ad Andrea di diventare presidente, è un segno di continuità". Blanc resterà come amministratore delegato e continuerà a gestire la parte sportiva. Sembra ormai certo l'arrivo di Benitez in panchina. "Andrea Agnelli - dice John Elkann - garantisce impegno personale e competenza".
Il ritorno di un Agnelli alla presidenza, anche dal punto di vista simbolico, ha un significato enorme per i tifosi della Juventus. Le fortune del club bianconero sono infatti indissolubilmente legate a quelle degli Agnelli a partire dagli anni '20. Al nome di Edoardo Agnelli, alla guida della società dal 1923 al 1935, è legato il primo grande ciclo vincente della storia juventina, quello dei 5 scudetti consecutivi, del famoso trio difensivo Combi-Rosetta-Calligaris, dell'attaccante Orsi, del mediano Monti. Dopo la guerra fu Gianni Agnelli ad assumere la presidenza del club, seguito dal fratello Umberto, al quale è legato un altro straordinario ciclo, quello di Sivori, Charles, Boniperti. Quindi, dopo quasi 50 anni durante quali il cordone Juventus-Agnelli non si è mai spezzato, tocca ad Andrea.
Che ha sempre seguito la squadra, spesso anche in trasferta, come nella semifinale del '96 a Madrid. La Juve vinse poi ai rigori a Roma contro l'Ajax. Anche la madre Allegra, moglie di Umberto, è stata sempre vicina alla squadra e alla società. Fisso il suo posto in tribuna d'onore al Comunale e al Delle Alpi, una fila piu' su dell'Avvocato.

Per il mercato alla nuova Juve mancano due tasselli. Il primo dovrebbe essere Beppe Marotta nel ruolo di direttore generale, l'altro è quello del tecnico. In tal senso, lo stesso Rafa Benitez frena circa le ipotesi del suo arrivo, nel corso della conferenza stampa di presentazione della gara di ritorno della semifinale di Europa league tra il Liverpool e l'Atletico Madrid: "Non mi piacciono le speculazioni sul mio futuro - ha detto Benitez, legato ai Reds fino al 2014 -. Vorrei leggere sui giornali notizie sulle competizioni, sui gol o sulle fantastiche prestazioni dei giocatori. Ma non posso controllare tutto. Il mio futuro è la partita con l'Atletico Madrid. Dobbiamo concentrarci su questa partita e cercare di vincerla per il bene del club".

Fonte: http://www.repubblica.it

Digitale terrestre in Lombardia e Piemonte


Dopo la Sardegna, la Valle d'Aosta, il Trentino Alto Adige, il Piemonte occidentale, il Lazio e la Campania, è arrivata l'ora della Lombardia e del Piemonte orientale.
Il 18 maggio, avverrà il passaggio di Raidue e Retequattro al digitale terrestre, dal 15 settembre al 20 ottobre, quello di tutti gli altri canali.
Continua dunque il conto alla rovescia per l'addio alla vecchia tv analogica: la diffusione di decoder e tv con decoder è inesorabile. Entro il 2012 tutta l'Italia passerà al digitale. Il vantaggio: 40 canali nazionali gratuiti e, a pagamento, Sky e Mediaset Premium.
Attenzione, però, il problema non è solo avere o meno un decoder o una tv con decoder integrato, ma accertarsi anche che l'antenna del proprio condominio sia in grado di ricevere i canali digitali.

Fonte: http://www.style.it

martedì 27 aprile 2010

La Grecia non ce la fa, il Portogallo la segue. Chi sarà il prossimo?


Giornata di passione per la Grecia sui mercati finanziari. Prima il ministro delle Finanze greco George Papaconstantinou annuncia che il paese non riesce più a collocare i titoli del debito pubblico e, dunque, non potrà fare a meno degli aiuti di Fmi e Ue. La borsa di Atene reagisce con uno scivolone e perde fino al 7%. Ma non è finita. Pochi minuti dopo la chiusura dei listini azionari europei, arriva l'altra doccia fredda: l'agenzia di rating Standard & Poor's taglia a livello junk il merito di credito di Atene, titoli spazzatura, che rischiano di diventare inutili anche come 'merce di scambio' con la Bce per ottenere liquidità. Perché ciò avvenga, comunque, anche le altre agenzie di rating dovrebbero ridurre il voto sul debito sovrano di Atene.
A chiudere, per ora, il pomeriggio, è giunto l'annuncio di un vertice straordinario dei paesi dell'eurozona il 10 maggio, il giorno dopo le elezioni regionali in Nord Reno Vestfalia, una delle principali ragioni per cui la Germania sta mostrando intransigenza nella concessione degli aiuti alla Grecia.
Papaconstantinou alza bandiera bianca.
Sul piano di soccorso per la Grecia l'Unione Europea parla con voci diverse, non c'è chiarezza e questa situazione "non ci sta aiutando" ha detto il ministro delle finanze di Atene, George Papaconstantinou, parlando ai deputati socialisti in vista della scadenza "cruciale" del 19 maggio quando dovranno essere ripagati 9 miliardi di euro di debito pubblico.
"Vista l'impossibilità per noi di accedere ai mercati finanziari - ha detto - entro il 19 maggio la procedura dovrà essere completata, approvata, firmata e dovranno essere erogati i fondi dal FMI e dall'Ue". Papaconstantinou ha sottolineato che la Grecia è "sotto pressione" da parte dei mercati finanziari che "stanno scommettendo contro di noi" visto che i costi per l'approvvigionamento di fondi per il governo sono andati alle stelle negli ultimi giorni.
Secondo il Ministro "la situazione politica in Europa non ci sta aiutando, visto che ci sono spesso voci contrastanti e c'è poca chiarezza".
Mentre ad Atene Papaconstantinou ammetteva l'impotenza sui mercati finanziari, l'agenzia di rating S&P ha annunciato il taglio rating del debito portoghese, con outlook negativo.

Fonte: http://www.ilsole24ore.com

Saviano bloccato in Italia dal Governo Berlusconi


Roberto Saviano, la settimana prossima, non potrà presenziare alla presentazione a Parigi della sua raccolta di articoli intitolata "La bellezza e l'inferno"; il Governo italiano ha imposto il divieto di espatrio allo scrittore napoletano adducendo mal compresi motivi di sicurezza. La vicenda è stata richiamata dal giornale francese "Nouvel Observateur" e si collega con lo scambio di opinioni della settimana scorsa tra Saviano e il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che accusava lo scrittore di fare publicità alla mafia scrivendo i suoi libri. Saviano, con pacata determinazione, aveva risposto che il fatto di scrivere di mafia e dei crimini ad essa collegata non fosse un modo per screditare l'Italia, ma al contrario dimostrava quanto lo scrittore, e gli altri che crecano di divulgare e comunicare cosa sia la mafia, abbia a cuore il proprio paese, e quanto si senta addolorato nel vedere la gran parte del paese soggiacere ai metodi e alla mentalità mafiosa. Oggi la notizia della decisione del Governo ad impedire a Saviano di uscire dal proprio paese per presenziare ad un incontro pubblico e presentare il proprio lavoro. I motivi di sicurezza non sono stati specificati, ma voci vicine allo scrittore pensano che il motivo possa essere che non ci fosse la scorta a disposizione della trasferta.

Fonte: http://bibliobs.nouvelobs.com

Semafori truccati, 35 Comuni coinvolti


MILANO - Sindaci e comandanti di polizia municipale indagati: chiusa dal Pm di Milano l'inchiesta sui semafori truccati.L'indagine avrebbe accertato gare d'appalto pilotate in 35 Comuni e solo a Segrate sarebbero state incassate indebitamente multe per oltre 2,4 mln. La Gdf ha notificato l'avviso di chiusura indagini a 38 persone, accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere e turbata liberta' degli incanti.Al sindaco di Segrate contestato anche l'abuso d'ufficio. Per l'accusa era stato infatti fissato 'dolosamente in 4 secondi il tempo di durata del semaforo giallo', tempo impossibile da rispettare per uscire da un incrocio senza passare col rosso. L'avviso di chiusura delle indagini e' stato notificato anche a Raoul Cairoli, amministratore unico della Ci.ti.esse, azienda che commercializza in via esclusiva i T-Red, i cosiddetti 'vampiri rossi' che rilevano le infrazioni, e ad altri tre responsabili di societa' del settore, che avrebbero messo in piedi fino al settembre 2008, come si legge nel provvedimento, 'un accordo collusivo di cartello' per 'l'acquisizione di contratti' con le amministrazioni locali, attraverso la 'collusione con i pubblici ufficiali'. Meccanismo utilizzato in tanti piccoli e medi Comuni, da Cinisello Balsamo (Milano) a Jolanda di Savoia (Ferrara) fino a Fragneto Monforte (Benevento).

Fonte: http://www.ansa.it

Gruppo Bilderberg: il piano per il 2010


Dal 14 al 17 maggio l’elite globale si è riunita in segreto in Grecia per la conferenza annuale del Bilderberg, tra la limitata e scoordinata attenzione dei media. Circa 130 degli individui più potenti del mondo si sono incontrati per discutere le questioni pressanti del giorno d’oggi e per decidere il corso dell’anno prossimo. L’argomento principale di discussione durante l’incontro di quest’anno è stata la crisi finanziaria globale, il che non ci ha sorpreso, considerato che l’elenco dei presenti alla conferenza comprende molti dei primari architetti della crisi, nonché coloro che sono pronti a “risanarla”.

L’ordine del giorno: la ristrutturazione dell’economia politica globale

Prima dell’inizio della conferenza il giornalista investigativo sul Bilderberg Daniel Estulin ha reso noto l’argomento principale dell’ordine del giorno, che gli era stato rivelato dai suoi informatori interni. Seppure tali resoconti non siano verificabili le sue fonti si sono dimostrate straordinariamente accurate in passato, al pari di quelle di Jim Tucker, il veterano investigatore del gruppo Bilderberg. Apparentemente l’argomento principale di discussione dell’incontro di quest’anno è stata la presa di posizione sulla crisi economica, in termini di intraprendere “una prolungata, agonizzante depressione che condanni il mondo a decadi di stagnazione, declino e povertà … oppure una depressione intensa ma più breve che apra la strada ad un nuovo ordine economico mondiale sostenibile, con meno sovranità ma maggiore efficienza”.

A seguire (nei commenti): la lista dei partecipanti all'incontro del Bilderberg Group.

Gli altri punti all’ordine del giorno comprendevano un piano per “continuare ad ingannare milioni di risparmiatori ed investitori che credono alla montatura di un presunto miglioramento dell’economia. Stanno per essere incastrati con perdite esorbitanti ed una grave sofferenza finanziaria nei mesi a venire” e “ci sarà una spinta finale per la promulgazione del Trattato di Lisbona, in attesa di un voto favorevole sul trattato da parte dell’Irlanda a settembre oppure ad ottobre“, [1] che darebbe all’Unione Europea enormi poteri sugli stati membri, rendendola essenzialmente un governo regionale sopranazionale, con ciascuno stato membro relegato ad uno status per lo più provinciale.

Poco dopo l’inizio delle riunioni, il giornalista investigativo sul Bilderberg Jim Tucker ha riferito che le sue fonti interne gli avevano rivelato che il gruppo avesse all’ordine del giorno “un piano per un dipartimento della sanità globale, un dipartimento del tesoro globale e una depressione abbreviata piuttosto che una lunga fase di contrazione economica”. Tucker ha riferito che il ministro degli esteri svedese ed ex primo ministro Carl Bildt, “ha fatto un discorso a sostegno della trasformazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in un dipartimento della sanità mondiale, nonché della trasformazione del FMI in un dipartimento del tesoro mondiale, entrambe le cose naturalmente con il patrocinio delle Nazioni Unite”. Tucker ha inoltre reso noto che “il segretario del tesoro Geithner e Carl Bildt sollecitavano una recessione più breve e non una di dieci anni … in parte perché una recessione di dieci anni danneggerebbe gli stessi industriali del gruppo Bilderberg, [che] per quanto vogliano avere un dipartimento globale per l’occupazione ed un dipartimento globale del tesoro, gli piace ancora far soldi e una recessione così lunga gli costerebbe un bel po’ di soldoni industrialmente parlando perché nessuno comprerebbe i loro giocattoli…. l’inclinazione è ad abbreviarla”. [2]

Dopo il termine delle riunioni, Daniel Estulin ha riferito che “una delle maggiori preoccupazioni del gruppo Bilderberg è il pericolo che il loro zelo per cambiare il mondo architettando il caos al fine di attuare il loro programma a lungo termine possa far sì che la situazione gli sfugga di mano e conduca infine ad uno scenario dove il Bilderberg e l’elite globale in generale sono sopraffatti dagli eventi e finiscono col perdere il controllo che esercitano sul pianeta”. [3]

Il 21 maggio scorso la Macedonian International News Agency [agenzia di stampa internazionale macedone] ha reso noto che “una nuova relazione del Cremlino sul misterioso gruppo del Bilderberg, che la scorsa settimana ha tenuto la sua riunione annuale in Grecia, afferma che le elite corporative, politiche e finanziarie dell’occidente sono riemerse dalla loro riunione segreta dopo aver raggiunto l’accordo che per poter continuare nel loro slancio verso un nuovo ordine mondiale dominato dai poteri occidentali, il dollaro USA deve essere ‘totalmente’ distrutto”. La stessa relazione del Cremlino avrebbe inoltre affermato che “la maggior parte delle elite più ricche dell’occidente hanno partecipato ad una riunione segreta senza precedenti a New York, indetta e condotta da” David Rockefeller, “per complottare la fine del dollaro USA”. [4]

La riunione segreta dei miliardari

La riunione a cui viene fatto riferimento è stata una riunione segreta, dove “una dozzina delle persone più ricche del mondo si sono riunite per un incontro privato senza precedenti dietro invito di Bill Gates e Warren Buffett per parlare di regalare denaro”, tenutasi presso la Rockefeller University, e che comprendeva noti filantropi come Gates, Buffett, il sindaco di New York Michael Bloomberg, George Soros, Eli Broad, Oprah Winfrey, David Rockefeller senior e Ted Turner. Uno dei presenti ha affermato che “non era segreta”, ma che “doveva essere un incontro tra colleghi e amici. Era una cosa di cui si parlava da tempo. Bill e Warren speravano di poterlo fare occasionalmente. Hanno mandato gli inviti e la gente è venuta”. L’editore del Chronicle of Philanthropy Stacy Palmer ha detto: “considerata la gravità dell’economia in questi tempi, non credo che sia una sorpresa che questi filantropi si siano incontrati”, e che “tipicamente non si incontrano per scambiarsi consigli tra loro”. Ad ospitare la riunione sono stati Buffet, Gates e David Rockefeller.

Il quotidiano inglese The Times ha riportato che questi “influenti miliardari si sono riuniti in segreto per considerare come potrebbe essere impiegata la loro ricchezza per rallentare la crescita della popolazione mondiale” e che “hanno parlato di unire le loro forze per superare gli ostacoli politici e religiosi al cambiamento”. È interessante che “l’informale sessione pomeridiana è stata così discreta che ad alcuni assistenti dei miliardari è stato detto che si trovavano a dei ‘briefing di sicurezza’. Inoltre “i miliardari hanno avuto ciascuno 15 minuti per presentare la causa a loro più a cuore. Durante la cena hanno discusso come avrebbero potuto mettersi d’accordo su una ‘causa generale’ che potesse sfruttare i loro interessi”, e quello che è stato deciso è che “erano d’accordo che la priorità era la sovrappopolazione”. Infine “è emerso il consenso a sostenere una strategia che affrontasse la crescita della popolazione come una minaccia potenzialmente disastrosa per l’industria, l’economia e l’ambiente”, e che “devono rimanere indipendenti dalle agenzie governative, che sono incapaci di prevenire quel disastro che tutti vediamo all’orizzonte”. Uno dei presenti alla riunione ha detto che “volevano parlare da ricco a ricco senza doversi preoccupare che qualsiasi cosa che dicessero finisse sui giornali, facendoli apparire come un’alternativa al governo mondiale”.

Fonte: http://www.comedonchisciotte.org

Gli errori di Darwin


I due autori tengono a precisarlo già nell’introduzione: siamo atei senza tentennamenti e il nostro attacco a Darwin – o meglio, al neodarwinismo – non ha nulla a che fare con il disegno intelligente e il creazionismo. La nostra è una critica naturalistica. Non ha nulla né di religioso né di esoterico. La nostra è una partita giocata tutta all’interno del dibattito scientifico. Inoltre, quello che proprio non ci va giù è che la spiegazione darwiniana, la selezione naturale, venga eletta da alcuni – come il filosofo Daniel Dennett o il biologo Richard Dawkins, a principio universale e applicata anche in campi – come la sociologia o la psicologia – con cui poco o nulla ha a che fare.
Queste sono le due premesse con cui il filosofo Jerry Fodor e il neuroscienziato Massimo Piattelli Palmarini aprono il libro Gli errori di Darwin, che dopo essere apparso negli Stati Uniti con il titolo What Darwin Got Wrong (Quello che Darwin ha sbagliato) viene ora proposto in italiano dall’editore Feltrinelli.
Sono premesse chiare. E largamente condivisibili. La prima perché non c’è alcun neocreazionismo: gli argomenti che Fodor e Piattelli Palmarini adducono non sono né teleologici (non esiste un scopo in natura) né tantomeno teologici (lo scopo non è dato da un dio), ma tutti interni al dibattito scientifico. La seconda perché è condivisa da molti darwiniani convinti: Stephen Jay Gould, per esempio, definiva «ultradarwinisti» coloro che – come Dennett o Dawkins – cercano di estendere la teoria dell’evoluzione delle specie per selezione naturale del più adatto ad ambiti diversi da quello dell’evoluzione biologica.
Ciò detto, il titolo del libro è inequivocabile e corrisponde al suo contenuto: un attacco a Darwin. Che, secondo Fodor e Piattelli Palmarini, ha commesso degli errori nel formulare la sua teoria dell’evoluzione biologica. Questi errori sono stati fatti propri e, anzi, ampliati dal «neodarwinismo», ovvero dalla riunificazione tra genetica ed evoluzionismo avvenuta intorno agli anni ’30 del secolo scorso.
Non si tratta di errori marginali. Riguardano il motore stesso dell’evoluzione delle specie. Charles Darwin e i neodarwinisti individuano il motore principale – ma, si badi bene, non l’unico – nella selezione naturale. Ovvero nel fatto che gli organismi più adatti a sopravvivere nell’ambiente hanno, statisticamente, un maggiore successo riproduttivo e trasmettono alla loro prole, con modificazioni, i loro caratteri genetici.
Questo processo individua essenzialmente due stadi: uno quasi tutto interno agli organismi, che consiste nel modo in cui si «genera la diversità» (ogni individuo è diverso da un altro) all’interno di un processo di sostanziale continuità (la trasmissione ereditaria, di padre in figlio, dei caratteri genetici). Per Darwin e i neodarwinisti il generatore di diversità (individuato essenzialmente nelle mutazioni genetiche) è certo influenzato da vincoli ambientali e strutturali, ma nella sua sostanza è casuale.
Il secondo stadio – quello della vera e propria selezione naturale del più adatto – vede invece il protagonismo assoluto dell’ambiente, che premia in media le capacità riproduttive degli organismi portatori dei caratteri adattativi migliori e punisce i portatori di caratteri adattativi peggiori. Sebbene avvenga su basi statistiche e non deterministiche, si tratta di una selezione necessaria.
Non a caso Jacques Monod aveva sintetizzato la spiegazione darwiniana nel combinato disposto di «caso e necessità».
Bene, Fodor e Piattelli Palmarini, confutano le basi di questo processo. Sia perché sostengono che il generatore di diversità degli organismi viventi non è sostanzialmente casuale, ma, al contrario, è sostanzialmente determinato. Da che cosa? Dalle leggi fisiche e chimiche dell’auto-organizzazione della materia, che operano a ogni livello: dalla formazione delle galassie alla formazione, appunto, delle cellule e degli organismi.
Questa capacità della materia è così forte da annullare – o meglio – da rendere del tutto marginale anche il secondo stadio del processo darwiniano: la selezione naturale. Ad affermarsi sono gli organismi e le specie dotate di maggiore stabilità intrinseca: l’ambiente non seleziona nulla, o seleziona poco.
La critica al darwinismo e alla moderna teoria sintetica non è nuova. È da almeno un secolo – da sir D’Arcy Thompson in poi – che molti hanno studiato i fattori morfogenetici e, più in generale, strutturali che condizionano pesantemente – che determinano – la forma e, dunque, anche le funzioni degli organismi e delle loro singole parti. Negli ultimi anni si è visto come questi vicoli strutturali siano davvero operativi e a ogni livello, da quello macroscopico e quello genetico.
È nata persino una nuova disciplina, l’Evo-Devo (evolutionary development, sviluppo evolutivo), che studia come i fattori strutturali concorrano all’evoluzione biologica.
Concorrano, appunto. Ma non sostituiscono.
Perché questo è il punto focale intorno a cui si snoda il ragionamento di Fodor e Piattelli Palmarini: le leggi dell’auto-organizzazione della materia sono così forti e potenti da annullare di fatto il ruolo dell’ambiente e la selezione naturale del più adatto come motore dell’evoluzione?
Fodor e Piattelli Palmarini sostengono di sì. Ancora una volta, non sono i primi. In anni recenti hanno cercato di farlo diversi studiosi – da Brian Goodwin a Stuart Kauffman, per citare i più famosi anche al grande pubblico. E tuttavia non ci sono riusciti. Sia Goodwin sia Kauffman hanno tentato di trovare una teoria scientifica alternativa a quella darwiniana. Ma quella teoria, come riconoscono anche Fodor e Piattelli Palmarini con c’è.
Se gli errori di Darwin esistono, quelli degli altri sono superiori. Ma esistono questi errori? No. O, in ogni caso, non sono decisivi. Nessuno dubita che il processo che «genera diversità» sia complesso e determinato da molti fattori, inclusi quelli strutturali. Nessuno dubita che dietro il caso si celi non l’alea, ma una serie di meccanismi fisici, chimici e biologici che semplicemente ignoriamo. Nessuno dubita che la selezione non sia solo adattativa. Darwin stesso sosteneva che la selezione naturale è il principale, ma non l’unico meccanismo di selezione. E tuttavia è davvero difficile sostenere che l’ambiente non abbia alcun ruolo nell’evoluzione biologica. Semmai sono da ricostruire le svariate forme con cui l’ambiente opera la selezione. In altri termini, nessuno dei nuovi processi finora scoperti è in grado di minare il neodarwinismo. Tutti possono essere facilmente integrati nella teoria naturalistica che Charles Darwin ha proposto per spiegare i fatti noti dell’evoluzione biologica.

Fonte: http://www.automiribelli.org

lunedì 26 aprile 2010


Petrolio: sì ministeriale per la trivellazione a largo del Gargano


Il primo ok del ministero dell’ambiente alla richiesta di una società Irlandese di effettuare ricerche petrolifere al largo delle Isole Tremiti ha dato il via a molte polemiche, con molte proteste da parte di ambientalisti, esponenti politici, sindacati e tanti cittadini. Il parere positivo del ministero riguarda nello specifico ricerche davanti al lago di Lesina, a 12 km di distanza dalle Tremiti e 11 dalla costa.
Proprio per tale motivo, il presidente del Consiglio provinciale di Foggia, Enrico Santaniello, ha convocato una seduta straordinaria interamente dedicata alla vicenda. Intanto sono già state programmate manifestazioni dal “Comitato per la tutela del mare del Gargano”, con l’obbiettivo di sollecitare l’opinione pubblica, ma anche la dirigenza politica, affinché il Gargano non diventi un distretto petrolifero con gravi ripercussioni ambientali.
Proprio sui rischi per l’ambiente marino, il WWF Foggia ha dichiarato: “Già la fase iniziale della ricerca petrolifera, eseguita attraverso ricognizioni sismiche con la generazione di onde sonore secondo la tecnica ‘Air-Gun’, e’ estremamente pericolosa per la fauna marina”. L’UE non è rimasta totalmente estranea alla vicenda, infatti è già stata fatta un’interrogazione alla Commissione Europea, con la quale 5 europarlamentari hanno richiesto alla Commissione stessa di esprimersi sull’autorizzazione fornita dalle autorità Italiane.

Fonte: http://www.economiafinanza.net

domenica 25 aprile 2010

Roma Samp 1 a 2, e lo scudetto si allontana


Posticipo del 35° turno con il tutto esaurito all'Olimpico: in tribuna anche Rafael Nadal e Novak Djokovic.
Roma e Sampdoria è finita 1-2 con gol di Totti al 14' del primo tempo e doppietta di Pazzini al 7' e 40' della ripresa.

Fonte: http://www.gazzetta.it

sabato 24 aprile 2010

Violenza negli stadi, Maroni: "Daspo per alcuni giocatori"


ROMA - Il Daspo, il provvedimento che impedisce l'accesso alle strutture sportive, dovrebbe esser applicato anche a "certi giocatori e certi genitori". E' la proposta lanciata dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, intervenendo a Pistoia al Memorial Giampaolo Bardelli. Il titolare del Viminale ha fatto riferimento essere lo sgambetto di Radu a Perrotta nell'immediato dopo partita del derby Lazio-Roma, comportamento che non è stato sanzionato dal giudice sportivo.
"Non si può parlare di lotta alla violenza e vedere in mondovisione un giocatore che esulta e un altro che gli dà un calcio e lo fa cadere - ha detto Maroni -. E vedere che chi lo fa non è
sanzionato è incredibile". «L'azione delle forze dell'ordine è meritoria, ma non basta - ha aggiunto il ministro-. Le squadre di calcio devono rendersi conto che se non sanzionano questi comportamenti, non bloccano il diffondersi di esempi negativi".
Secondo Maroni occorre una "riforma sugli stadi", che "devono diventare di proprietà delle società sportive, come all'estero". "Questa è una grande riforma da fare - ha detto Maroni -. Oggi gli stadi, se escludiamo l'Olimpico, che è del Coni, sono di proprietà dei Comuni e durante la settimana rimangono assolutamente sguarniti. Gli stadi devono essere di proprietà delle società, controllati da personale professionista".
"In questo senso - ha ricordato Maroni - in Parlamento c'è una proposta di legge di riforma. Spero che possa essere approvata quanto prima".

Fonte: http://www.romagnaoggi.it

giovedì 22 aprile 2010

Il Motore Magnetico "dimostrato" ?


DELFT (OLANDA) - Presentato all’Università di Delft il Motore Magnetico progettato dall’inventore turco Muammer Yildriz. Anche se in questo filmato viene mostrato l’apparato in funzione e poi scomposto per l’ispezione da parte dei partecipanti al termine della dimostrazione, lo scetticismo sul fenomeno della Zero Point Energy rimane praticamente invariato. Semplice invidia oppure potenziale disastro economico per le multinazionali distributrici di energia? In attesa di ricevere maggiori informazioni e rilevare se vi siano state delle irregolarità nel presentare questo dispositivo, teniamo gli occhi bene aperti su questo caso.

Fonte: http://www.automiribelli.org

mercoledì 21 aprile 2010

22 aprile: il Giorno della Terra


Giovedì 22 aprile si celebra l'Earth Day, la festa della Terra, una giornata dedicata al nostro pianeta. La manifestazione nacque il 22 aprile del 1970 quando venti milioni di cittadini americani risposero all'invito del senatore democratico Nelson e scesero in piazza per difendere il pianeta e le sue risorse. Quest'anno ci si mobiliterà nelle principali piazze del mondo (190 i Paesi coinvolti) per chiedere un intervento immediato dei leader politici internazionali, in favore di nuove leggi per la difesa del clima.
Ogni persona può prendere parte all'iniziativa proponendo una propria azione in grado di contribuire al risparmio energetico e alla salvaguardia della natura. Si può, per esempio, scegliere di usare la bicicletta al posto dell'auto, fare vacanze "green", di non tenere aperti i rubinetti a oltranza, di effettuare una corretta raccolta differenziata e via dicendo. Il contatore sul sito ufficiale è prossimo ai 31.500.000 "verdi"; voi cosa aspettate a inserire il vostro?

Fonte: http://viaggi.myblog.it

Calcio, Champions: Bayern Lione 1 a 0


Il Bayern Monaco ha battuto il Lione per 1-0 nella semifinale di andata della Champions League. Gol di Robben al 24' del secondo tempo.

Fonte: http://www.agi.it

23 aprile, giornata mondiale del libro


Il 23 aprile, in tutto il mondo si festeggia la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. L’evento nasce da un’iniziativa dell’Unesco, che la celebra sin dal 1996. La giornata del libro coincide con l’anniversario della morte di tre fra i più grandi autori della letteratura mondiale (Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garcilaso de la Vega.)
Per l’occasione, l’Unesco promuove manifestazioni e incontri in tutta Italia e una tavola rotonda per la presentazione del nuovo volume della collana Unesco di Armando Editore, che costituirà, a Roma, l’evento centrale della Giornata. L’incontro del 23 aprile per la presentazione del libro “La fine delle culture nazionali? Politiche culturali di fronte alla diversità” a cura di Luís Bonet ed Emmanuel Négrier, è organizzato dalla Commissione nazionale italiana per l’Unesco in sinergia con il ministero per i Beni e le attività culturali, il Centro per il libro e la Biblioteca Casanatense e si terrà dalle 16.00 alla Biblioteca Casanatense.
Per celebrare questa giornata saranno organizzati numerosi eventi. Si segnalano le visite guidate all’Insula Sapientie organizzate dalla Camera dei deputati, al Senato, alla Biblioteca Casanatense e al Convento domenicano della Minerva (23 aprile), mentre il ministero dell’Economia propone l’esperienza di una bibliografia virtuale con l’iniziativa “Il libro come avvicinamento e dialogo tra culture” (21-30 aprile).
Verranno coinvolti anche numerosi enti, scuole, biblioteche, organizzazioni ed associazioni. Ci saranno un centinaio di eventi distribuiti uniformemente su tutto il territorio nazionale. Lo scopo è di testimoniare l’importanza del libro come strumento insostituibile, capace di unire popolazioni e generazioni diverse e permettere la circolazione del pensiero e delle idee, contribuendo all’avvicinamento delle culture e a formare una società globale orientata alla reciproca conoscenza, tolleranza e all’interculturalità.

Fonte: http://www.direttanews.it

Calciopoli, aperta indagine. Federcalcio considera novità


ROMA - La procura della Federcalcio ha aperto un'altra indagine su Calciopoli, in riferimento "al nuovo filone di intercettazioni", e chiede al Tribunale di Napoli di acquisire "tutto il materiale probatorio prodotto dalle parti, oggetto di perizia che potrà essere disposta dal Tribunale".
IL COMUNICATO — "In merito al processo in corso a Napoli, la Procura federale chiederà fin da ora di poter acquisire tutto il materiale probatorio prodotto dalle parti, oggetto di perizia che potrà essere disposta dal Tribunale". Lo annuncia dunque sul proprio sito internet la Federcalcio, aggiungendo che "nelle prossime ore, il procuratore Stefano Palazzi invierà formalmente una richiesta in tal senso al presidente della nona sezione penale del Tribunale di Napoli Teresa Casoria, avviando così l'indagine con riferimento al nuovo filone di intercettazioni".

Fonte: http://www.gazzetta.it

Earth Day 2010: alla giornata mondiale per la Terra anche Morcheeba e Rokia Traorè e


ROMA - Pino Daniele e il gruppo inglese dei Morcheeba saranno i protagonisti della terza edizione del Nat Geo Music Live, il grande concerto gratuito che Nat Geo Music (canale 710 di Sky) organizzera’ a Roma, al Circo Massimo, il 22 aprile in occasione dell’Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra. L’evento è stato presentato in Campidoglio alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Roma Gianni Alemanno e del presidente della Provincia Nicola Zingaretti. Sul palco saliranno anche la cantante maliana Rokia Traoré e i Ddg feat. Josh e Cora Dunham, rispettivamente il bassista e la batterista dei Prince. Il dj Claudio Coccoluto chiuderà il concerto con una Night Geo Sessions, in cui le sonorità selezionate e mixate dal deejay si fondono con le immagini di National Geographic Channel, adattate dai visual artist Ddg Crew.
UN CONCERTO A IMPATTO ZERO
Anche quest’anno il concerto sarà a impatto zero: grazie alla collaborazione con LifeGate, advisor e network per lo sviluppo sostenibile, le emissioni di anidride carboniche generate dall’evento, 544.000 kg di CO2, saranno compensate con la creazione e tutela di oltre 202.000 mq di nuove foreste in Madagascar. Inoltre, grazie alla collaborazione con il Comune di Roma, verrà creata e tutelata una nuova area verde di 10.000 mq all’interno del Parco dell’Aguzzano a Roma.
La riduzione dell’impatto ambientale del concerto è garantita anche grazie alla mobilita’ sostenibile e grazie ad Atac: car sharing, bike sharing e sensibilizzazione verso l’utilizzo dei mezzi pubblici per raggiungere il concerto. Atac prolunghera’ l’apertura della metro, alcune linee bus verranno prolungate e intensificate, e anche gli artisti arriveranno al Circo Massimo trasportati da un bus elettrico. Inoltre, grazie all’Ama, durante il concerto saranno previsti incentivi alla raccolta differenziata per limitare l’inquinamento della zona.

Fonte: http://www.mondoecoblog.com

FIAT, ALLARME MARCHIONNE: SENZA INCENTIVI -30% VENDITE


TORINO - Senza gli incentivi le vendite di auto, in Italia, subiranno una flessione del 30%. Lo ha detto l'amministratore delegato del Gruppo Fiat, Sergio Marchionne, illustrando agli analisti i risultati del primo trimestre. «È stato un trimestre anomalo - ha spiegato Marchionne - in cui abbiamo continuato a beneficiare ancora degli incentivi. Nell'anno prevediamo però un calo del 15% del mercato in Europa, mentre in Italia senza incentivi le vendite scenderanno del 30% nel secondo semestre dell'anno».
NOMINATO JOHN ELKANN PRESIDENTE - Il consiglio di amministrazione della Fiat ha nominato John Elkann presidente. Il cda, riunito al Lingotto, "ha preso atto, con rammarico - dice una nota - delle dimissioni di Luca Cordero di Montezemolo dalla carica di presidente e lo ha ringraziato per l'opera svolta a favore del gruppo in un periodo particolarmente delicato per la vita dell'azienda".

Fonte: http://www.leggo.it

Bologna, prima fiera sul "pianeta pasta"


BOLOGNA - La pasta regina della tavola: a questo speciale alimento - che nasce dal chicco di grano e si e' via via 'sposato' con decine di altri alimenti in un turbinio di ricette e di preparazioni sui mercati di tutto il mondo con le sue numerose varieta' - e' dedicata "PastaTrend", la prima fiera, in programma a Bologna dal 24 al 27 aprile,dedicata al 'pianeta pasta'.
Si va dalla coltivazione del grano ai settori molitorio, pastario e gastronomico. Una filiera in cui il Made in Italy ha l'assoluta leadership.
Alla parte espositiva, "PastaTrend" - presentata questa mattina a Bologna dagli organizzatori e dai loro ospiti - affianchera' un ampio ventaglio congressuale in cui la scienza e l'aggiornamento professionale diventano momento di incontro tra genetica agraria, medicina, economia e sociologia dei consumi. E poi ci saranno spettacoli, degustazioni, mostre a tema con l'intervento di buyers provenienti da ogni parte del mondo. Dunque, un viaggio lungo quattro giorni alla scoperta di cosa c'e' davvero dietro un piatto di pasta. A partire dagli aspetti economici: in Italia nel settore delle paste alimentari operano 5.908 imprese le quali, secondo una recente ricerca di Nomisma, generano un valore della produzione superiore ai 6 miliardi di euro ed occupano poco meno di 30mila addetti. L'Italia infatti e' leader indiscusso in questo specifico comparti a livello mondiale. Altri produttori europei di pasta sono Francia, Germania e Spagna, ma hanno livelli produttivi sensibilmente minori.

Fonte: http://www.agi.it

Turchia, gatto applica massaggio cardiaco


Un gatto riverso per terra, privo di sensi. Una gatta sopra di lui, che tenta di 'rianimarlo' con una specie di massaggio cardiaco. E' il contenuto di un video, pubblicato dalla sezione video del quotidiano turco Hurriyet, che ha stupito e fatto commuovere i suoi lettori ed è ora tra le clip più viste di YouTube. Stando a quanto scrive Hurriyet, la scena ha impressionato i passanti, che hanno cercato di salvare la vita al povero gattino.

Fonte: http://www.leggo.it

Caso Mills, Cassazione: leso diritto costituzionale


ROMA - Il reato di corruzione in atti giudiziari commesso dall'avvocato inglese David Mills, che ricevette 600 mila dollari in cambio di false testimonianze nei processi a carico di Silvio Berlusconi, ha "seriamente leso un diritto inviolabile riconosciuto dalla Costituzione", cioe' "gli interessi di imparzialita' e di buon andamento dell'amministrazione della giustizia". Cosi' la Cassazione, con la sentenza n.15208, spiega perche', nel dichiarare prescritto il reato contestato a Mills, ha confermato la condanna dell'avvocato inglese a risarcire i danni alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con una somma pari a 250 mila euro.
Non si tratta di una "funzione punitiva del danno stesso", osserva la Suprema Corte, smentendo l'assunto illustrato dalla difesa di Mills, ma "l'importanza del processo, il rilievo dei personaggi coinvolti e il clamore mediatico che ha accompagnato tutta la vicenda (stante la rilevanza del ruolo sociale e pubblico dei protagonisti e l'entita' del discredito proiettato verso l'esterno per effetto dei mezzi di informazione) sono stati ritenuti, con corertta e adeguata valutazione - si legge nella sentenza lunga 41 pagine - elementi idonei e sufficienti a giustificare il pregiudizio derivato all'amministrazione senza necessita' di ulteriore dimostrazione".

Fonte: http://www.agi.it

martedì 20 aprile 2010

Inter irresistibile, 3 a 1 al Barca


Nella semifinale di andata di Champions a S.Siro l’Inter ha la meglio sul Barcellona di Messi e Ibra e con un largo 3-1 aspetta con tranquillità il match di ritorno al Nou Camp. La partita comincia in salita per gli uomini di Mourinho, al 19’ il Barca passa in vantaggio con Pedro che segna con un sinistro di prima intenzione sul cross da sinistra di Maxwell, lasciato colpevolmente solo. Al 30’il pareggio di Sneijder, con un destro ravvicinato su sponda di Milito per l’1-1. Il primo tempo si conclude con un risultato di pareggio e una gara ancora aperta: Inter sempre pericolosa con Milito e Barca che cerca di sfondare sugli esterni. Nella ripresa i neroazzuri ci mettono 3 minuti per allungare sulla squadra di Guardiola, con il 2-1 firmato Maicon su assist di Milito. Al 16’ l’Inter allunga le distanze con Milito che corregge in rete di testa il colpo di testa di Sneijder e segna il 3-1. Maicon esce per una gomitata involontaria di Messi e al suo posto entra Kivu e al 30’ Balotelli per Milito, l’Inter stanca soffre il forcing finale degli spagnoli senza che il risultato cambi.

Fonte: http://www.leggo.it

iPad Wi-Fi + 3G disponibile dal 30 aprile negli Stati Uniti


Tramite un comunicato stampa ufficiale, stamane Apple ha confermato che i modelli di iPad completi di WiFi e modulo dati 3G verranno spediti ai clienti statunitensi (esclusivamente a coloro che l’hanno preordinato entro la settimana scorsa) a partire da venerdì 30 aprile. Inoltre, saranno disponibili per la vendita anche negli Apple Store americani dalle 5 del pomeriggio della stessa giornata. Tutti coloro che hanno ordinato un iPad 3G a partire da ieri, invece, dovranno aspettare fino al 7 maggio (in pratica una settimana in più).
Per quanto riguarda l’acquisto presso un Apple Store, come per iPad con solo Wi-Fi, sarà possibile usufruire dell’assistenza gratuita per la prima installazione del dispositivo e assistere a dei seminari organizzati per aiutare i clienti ad imparare più cose possibile sul nuovo tablet.
Ricordiamo che iPad Wi-Fi + 3G sarà disponibile in tre modelli con un incremento di 130 dollari rispetto ai corrispondenti modelli senza modulo 3G; si parte, quindi, dai 629 dollari per il modello da 16GB per passare ai 729 dollari per quello da 32GB e agli 829 dollari per quello da 64GB. L’autonomia del modello che permetterà di utilizzare la connessione dati per navigare su Internet si aggira attorno alle 9 ore, circa un’ora in meno rispetto a quella dei modelli meno costosi e senza connessione 3G.

Fonte: http://www.theapplelounge.com

WEB: CAVI SOTTOMARINI A RISCHIO, POSSIBILE 11 SETTEMBRE DELLE TLC


LONDRA - La finanza internazionale, il motore del pianeta, si basa sul continuo scambio di dati di ogni genere. Questi viaggiano su un network planetario di cavi sottomarini la cui sicurezza e' a rischio e se qualcosa andasse storto si rischia l'apocalissi economica. A lanciare l'allarme e' stato l'Institute of Elecrticale and Electronics Enginees (Ieee)in un rapporto in cui ha esortato gli investitori a studiare alternative. A dicembre del 2008 la rottura di un cavo nel Mediterraneo blocco' le comunicazioni tra Europa, Mediterraneo e Sud est asiatico per oltre 24 ore.

Fonte: http://www.agi.it

Musica: Ligabue in concerto il 9 e 10 luglio a Roma


ROMA - La prima del tour di Ligabue, il 9 luglio allo Stadio Olimpico di Roma, ha gia' fatto registrare il sold out con oltre 2 mesi di anticipo. Gli organizzatori (Riservarossa e F&P Group) hanno aggiunto quindi la seconda data romana il 10 luglio. Per la seconda data di Roma da oggi sono aperte le prevendite dedicate agli iscritti al Fans Club (http://barmario.ligabue.com) mentre da domani, mercoledi' 21 aprile sara' possibile acquistare i biglietti su www.ticketone.it e sempre da domani, dal pomeriggio, su tutti i circuiti di prevendita autorizzati. Per informazioni sui biglietti: www.fepgroup.it. Questo il nuovo calendario del "Ligabue stadi 2010": 9-10 luglio Roma (Stadio Olimpico), 13 luglio Firenze (Stadio Artemio Franchi), 16 luglio Milano (Stadio San Siro), 20 luglio Padova (Stadio Euganeo), 24 luglio Messina (Stadio San Filippo). Intanto da venerdi' e' nelle radio "Un colpo all'anima" che a poche ore dalla sua uscita e' entrato direttamente al numero 1 nella classifica dei brani piu' venduti su iTunes. Il brano e' il primo singolo estratto dal nuovo atteso album di Ligabue, "Arrivederci, mostro!" (in uscita l'11 maggio). L'album esce a 20 anni esatti dalla pubblicazione dell'album d'esordio "Ligabue" (11 maggio 1990) e a 5 anni dall'uscita dell'ultimo album di inediti "Nome e cognome. In "Arriderci, mostro!" per la prima volta nella sua discografia Ligabue non appare come produttore (e nemmeno come co-produttore).

Fonte: http://www.agi.it

Roma, Carboni "il faccendiere" sotto accusa: affari con politici e magistrati


ROMA - Nelle intercettazioni i nomi di Dell'Utri e Verdini. Al vaglio della magistratura tra l'altro l'attività di un giudice tributario Ancora una volta l'ipotesi di reato è quella di corruzione. È quanto emerge in un'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Roma che, partendo da grandi affari immobiliari, arriva in Sardegna e ritorna nella capitale. Una rete di affari che investe i palazzi della politica, della magistratura e dell'imprenditoria, non soltanto romana. Secondo gli inquirenti, al centro di questa indagine - che preoccupa personaggi eccellenti e sfiora esponenti parlamentari del centrodestra - c'è il "faccendiere" Flavio Carboni che, coinvolto nelle indagini sulla morte del banchiere Roberto Calvi trovato impiccato sotto il ponte dei "Frati Neri" a Londra nel 1982, ora riaffiora nel dossier elaborato a Roma.
Carboni è infatti indagato dalla Procura romana: sull'inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, sono stati accesi i riflettori per l'invio dell'ordinanza di conclusione delle indagini ad alcuni dei personaggi coinvolti in questa vicenda. Nelle intercettazioni di alcuni indagati spuntano anche alcuni nomi eccellenti. Tra questi il senatore Marcello Dell'Utri, il coordinatore del Pdl Denis Verdini, e altri esponenti politici del centrodestra che, allo stato, non sarebbero indagati.
Ma i loro nomi ricorrono spessissimo nelle conversazioni telefoniche tra Flavio Carboni ed un magistrato, Pasquale Lombardi, che guida associazioni nelle quali figurano tra gli iscritti altri giudici e avvocati di grido. Lombardi sarebbe promotore di molti convegni su economia e attività societaria in Italia ed in Europa. Sarebbe stato Lombardi, secondo le indagini, a creare una sorta di rete di cui farebbero parte magistrati, politici ed imprenditori: tutti indirettamente intercettati dai carabinieri di Roma che da qualche anno monitoravano gli affari di Flavio Carboni. Dalle intercettazioni emergono molti contatti tra lo stesso Carboni e il senatore Dell'Utri.
L'ex "faccendiere" attende una sentenza di secondo grado per il caso Calvi. Assolto in primo grado per insufficienza di prove, l'otto maggio prossimo conoscerà la sentenza d'appello.
Il coordinatore del Pdl Verdini, il cui nome ricorre spesso nelle intercettazioni telefoniche degli indagati, ha avuto in questi ultimi mesi guai giudiziari perché coinvolto ed indagato dalla Procura di Firenze nell'inchiesta sul G8 e per i "Grandi Eventi" di Roma e Firenze. Mentre queste indagini e questi processi sono ancora in corso ecco spuntare quest'altra inchiesta che, per il contenuto delle intercettazioni telefoniche, rischia di provocare un vero e proprio terremoto in molti palazzi romani. Tra i nomi che vengono tirati in ballo nelle intercettazioni telefoniche ( ma al momento nessuno conferma la presenza negli atti di esponenti politici) ci sarebbero anche quelli di funzionari di primo piano di vari ministeri, in particolare del ministero della Giustizia e del Dap, la Direzione dell'amministrazione penitenziaria.
È questo lo scenario sul quale si muove la nuova inchiesta della Procura di Roma che vuole accertare se ci sono responsabilità penali dei personaggi "eccellenti" coinvolti nelle conversazioni telefoniche degli indagati. Alcuni di questi farebbero parte di associazioni o fondazioni che hanno tra i soci, magistrati in servizio o distaccati presso altre amministrazioni, politici ed imprenditori.

Ventotene, crolla parete di tufo: muoiono due scolare in gita


LATINA - Due ragazze di 13 e 14 anni sono morte durante un campo scuola a Ventotene a causa del crollo di una parete di tufo nella zona di Cala Rossano. Erano con la scolaresca insieme ad altri compagni. Una delle due ragazze è morta sul colpo, l'altra è stata rianimata sul posto ma non ce l'ha fatta. Una loro compagna è rimasta ferita in modo grave ed è stata trasportata in codice rosso in elicottero a Latina, un ragazzino invece ha riportato solo contusioni a un piede.
I ragazzi, tutti di una scuola media di Roma, erano a Ventotene per un "campo scuola", fra i tanti che in questo periodo vengono organizzati. Stando ad una prima ricostruzione, sembra che i ragazzi fossero in gruppo e stessero andando lungo una strada, costeggiata da un muro di contenimento di tufo, che porta al cimitero. Il crollo - improvviso - sarebbe avvenuto neipressi di una pompa di benzina.

Fonte: http://www.repubblica.it

Novartis, la prima trimestrale + 7% con l'affare vaccini


MILANO - Nel primo trimestre 2010, Novartis Italia ha conseguito un fatturato di 386 mln euro (+7% a/a), in particolare l'export si e' attestato sugli alti livelli del 2009 e ha raggiunto gli 80 mln e contribuendo per il 21% al fatturato complessivo. Fatturato che tocca i 624 milioni di euro se si considerano anche le vendite nel trimestre del vaccino per l'influenza pandemica, fattore del tutto eccezionale, portando il contributo dell'export al 49% del totale.
Le risorse destinate alla Ricerca & Sviluppo, spiega una nota, piu' di 56 mln euro, registrano un incremento molto consistente, pari a oltre il 60%. Nel primo trimestre 2010, la Divisione Farmaceutici ha registrato un andamento positivo, sostenuto da un portafoglio che negli ultimi due anni si e' sensibilmente rinnovato con diversi prodotti innovativi nelle principali aree terapeutiche (in particolare Oncologia, Cardiovascolare/Metabolismo, Respiratorio, Sistema nervoso centrale, Oftalmologia), pur considerando che la lentezza degli iter approvativi ha condizionato i nuovi lanci. Inoltre, nel corso del 2010 e' prevista la disponibilita' sul mercato di importanti soluzioni terapeutiche come Afinitor, nuovo farmaco per il trattamento del carcinoma renale avanzato, e Ilaris, innovativa terapia biotecnologica approvata dall'UE per il trattamento delle CAPS, un gruppo di gravi malattie rare autoinfiammatorie nell'area reumatologica. Nel trimestre, le risorse destinate alla ricerca clinica hanno superato gli 11 mln (+28%).
Nella Divisione Vaccini e Diagnostici si prevede il lancio nell'anno in corso di Menveo, vaccino quadrivalente coniugato per la prevenzione della patologia meningococcica contro i ceppi ACYW-135, messo a punto nei laboratori di Novartis Vaccines a Siena e prodotto nello stabilimento di Rosia. Per quanto riguarda la Divisione Sandoz, decisamente positiva la crescita delle attivita' di commercializzazione dei farmaci generici e biosimilari. Stabile il fatturato delle attivita' produttive di Sandoz Industrial Products. In lieve crescita, infine, l'andamento nel trimestre della divisione Consumer Health, considerando che le ricadute della crisi economica continuano a condizionare il comportamento d'acquisto dei consumatori. Da segnalare, nella Business Unit OTC, i lanci di Benefibra Fiber drink, utile per il trattamento dell'intestino irritabile, di Voltalgan schiuma e di Voltavisc nell'area delle patologie osteoarticolari che vanno ad arricchire la gia' ampia linea Voltaren di antinfiammatori. Positivo l'andamento di Ciba Vision e quello di Animal Health, dove e' stato recentemente reso disponibile Agita, per il controllo della mosca domestica.

Fonte: http://www.borsaitaliana.it

lunedì 19 aprile 2010

Islanda, nuova nube di cenere verso la Gb


LONDRA - Londra, 19 apr. - Contrariamente a quanto annunciato in precedenza l'attivita' eruttiva del vulcano islandese Eyjafjallajoekull e' aumentata. Dopo 5 giorni dal cratere e' stata emessa una nuova grande nube di cenere che si dirige verso il Regno Unito. Lo riferiscono le autorita' aeree britanniche .

Fonte: http://www.agi.it

Islanda, smentita la notizia dell'eruzione dell'Helka


ISLANDA - Dopo l'Eyjafjallajoekull, che ha messo in ginocchio i trasporti aerei da cinque gionri, un secondo vulcano islandese poco distante, l'Hekla, ha iniziato ad eruttare. L'Hekla si trova nel sud del Paese e si trova nella frattura che da sud-ovest a nord-est attraversa l'isola. E' uno dei piu' attivi dell'Islanda: nell'ultimo millennio sono state registrate circa 20 eruzioni, l'ultima nel 2000 . AGGIORNAMENTO: poco fa è stata smentita la notizia dell'eruzione dell'Helka, diffusa erroneamente dal telegiornale nazionale islandese.

Fonte: http://www.repubblica.it

Goldman: probabile coinvolgimento dei vertici dirigenziali


NEW YORK - It was late 2006, and an argument had broken out inside the Wall Street bank’s prized mortgage unit — a dispute that would reach all the way up to the executive suite.
One camp of traders was insisting that the American housing market was safe. Another thought it was poised for collapse.
Among those who saw disaster looming were an effusive young Frenchman, Fabrice P. Tourre, and his quiet colleague, Jonathan M. Egol, the mastermind behind a series of mortgage deals known as the Abacus investments.
Their elite mortgage unit is now at the center of allegations that Goldman and Mr. Tourre, 31, defrauded investors with one of those complex deals.
The Securities and Exchange Commission filed a civil fraud suit on Friday that essentially says that Goldman built the financial equivalent of a time bomb and then sold it to unwitting investors. Mr. Egol, 40, was not named in the S.E.C.’s suit.
Goldman has vowed to fight the S.E.C. But the allegations have left many on Wall Street wondering how far the investigation might spread inside Goldman and perhaps beyond.
Pressure on Goldman mounted on Sunday as two members of Congress and Gordon Brown, Britain’s prime minister, called for investigations into the bank’s role in the mortgage market. Germany also said it was considering legal action against the bank.
Mr. Tourre was the only person named in the S.E.C. suit. But according to interviews with eight former Goldman employees, senior bank executives played a pivotal role in overseeing the mortgage unit just as the housing market began to go south. These people spoke on the condition that they not be named so as not to jeopardize business relationships or to anger executives at Goldman, viewed as the most powerful bank on Wall Street.
According to these people, executives up to and including Lloyd C. Blankfein, the chairman and chief executive, took an active role in overseeing the mortgage unit as the tremors in the housing market began to reverberate through the nation’s economy. It was Goldman’s top leadership, these people say, that finally ended the dispute on the mortgage desk by siding with those who, like Mr. Tourre and Mr. Egol, believed home prices would decline.
Lucas van Praag, a Goldman spokesman, said that senior executives were not involved in approving the Abacus deals. He said that the executives had sought to balance Goldman’s positive bets on the mortgage market, rather than take an overall negative view.
Mr. Tourre, who now works for Goldman in London, declined to comment, as did Mr. Egol, Mr. van Praag said.
Mortgage specialists like those at Goldman were, in a sense, the mad scientists of the subprime era. They devised investments by bundling together bonds backed by home loans, a process that enabled mortgage lenders to make even more loans.
While this sort of financing helped make loans available, the most exotic creations also spread the growing risks inside the American housing market throughout the financial world. When the boom went bust, the results were disastrous.
By early 2007, Goldman’s mortgage unit had become a hive of intense activity. By then, the business had captured the attention of senior management. In addition to Mr. Blankfein, Gary D. Cohn, Goldman’s president, and David A. Viniar, the chief financial officer, visited the mortgage unit frequently, often for hours at a time.
Such high-level involvement was unusual elsewhere on Wall Street, where many executives spent little time learning the workings of their mortgage businesses or how those businesses might endanger their companies.
The decision to get rid of positive bets on mortgages turned out to be prescient. Unlike most other Wall Street banks, Goldman profited from its mortgage business as the housing bubble was inflating and then again when the bubble burst.
At the heart of all of this is the mortgage trading unit that, at its peak, employed several hundred people. As recently as 2007, Goldman’s mortgage division was split into 11 subgroups, each with a specialty, according to an internal Goldman document that was provided to The New York Times by a former employee.

Fonte: http://www.nytimes.com

Mutu, 9 mesi di stop. Rientro il 29 ottobre 2010


ROMA - Nove mesi di squalifica per Adrian Mutu: questa la decisione del tribunale nazionale antidoping, presieduto da Francesco Plotino, sul doppio caso di positività alla sibutramina del calciatore viola. La Procura aveva chiesto un anno.
La squalifica scadrà il 29 ottobre 2010: il giocatore viola infatti era stato sospeso il 29 gennaio dopo i test positivi susseguenti alle gare della Fiorentina contro il Bari (10 gennaio, campionato) e la Lazio (20 gennaio, Coppa Italia). In entrambe le gare Mutu aveva segnato: un gol contro il Bari, una doppietta contro la Lazio.
Dopo il procedimento (l'udienza è durata 2 ore e mezza e la camera di consiglio un'ora) il giocatore è uscito scuro in volto: si aspettava una decisione meno severa. Soddisfatti invece i due legali del calciatore, Nino d'Avirro e Paolo Rodella, vista la precedente richiesta della Procura (12 mesi).

Fonte: http://www.gazzetta.it

domenica 18 aprile 2010

Serie A, Samp quasi in Champions (2-1 al Milan). Stasera il derby di Roma


Con un gol di Pazzini al 92' la Samp piega il Milan. Colpo Napoli e Genoa in chiave Europa, in coda vince l'Atalanta nel 34/o turno di Serie A. Atalanta-Fiorentina 2-1(F.Pinto, Tiribocchi, Montolivo); Bari-Napoli 1-2(Lavezzi 2, Almiron); Cagliari-Palermo 2-2(Cossu, Jeda, Miccoli, Hernandez); Catania-Siena 2-2(M.Lopez, Rosi, Biagianti, Vergassola); Parma-Genoa 2-3(Palacio 2, Zaccardo, Bocchetti aut, Patic); Sampdoria-Milan 2-1(Borriello, Cassano, Pazzini); Udinese-Bologna 1-1(aut.Zapata, Di Natale).

Fonte: http://www.ansa.it

Preti pedofili: Papa incontra a Malta vittime abusi


LA VALLETTA - Papa Benedetto XVI a Malta ha incontrato alcune persone che, quando erano bambini, furono vittime di abusi da parte di sacerdoti. Lo ha reso noto il Vaticano. L'incontro, ha reso noto il portavoce della Santa Sede Padre Federico lombardi, e' avvenuto nella nunziatura apostolica alla Valletta, al termine della messa celebrata dal Pontefice nel suo secondo giorno di viaggio a Malta.

Fonte: http://www.agi.it

Motomondiale, annullato Motogp in Giappone per la nube vulcanica


Per le nubi del vulcano islandese il GP del Giappone della Motogp è stato annullato dalla Dorna. La società organizzatrice del mondiale avrebbe inviato ai team una circolare nella quale avvertirebbe delle spostamento del Gp al 3 ottobre.
In questo modo la gara di Motegi andrebbe a porsi nella grande trasferta extra europea che nel calendario già prevede Australia e Malesia. Il passaparola era iniziato già ieri sera quando Carmelo Ezpeleta in persona, il CEO di Dorna, aveva telefonato ad alcuni team manager della MotoGP per informarli del rischio. Erano state brevi comunicazioni, concitate, che facevano capire che il problema era serio.
Si era così iniziato a parlare di due voli charter organizzati dalla stessa Dorna. Una soluzione di emergenza, perché‚ poi tutti avrebbero dovuto raggiungere comunque due località. Qualcuno poteva non farcela. Quando l'idea di spostare il Gran Premio, per maggiore sicurezza, si è fatta strada, un peso può forse averlo avuto il fatto che da Motegi giungevano contemporaneamente informazioni su una situazione metereologica non facile, con caduta addirittura di nevischi.

Fonte: http://www.ilmessaggero.it

Goldman sotto inchiesta, timori sul sistema bancario Usa


NEW YORK - Le accuse rivolte dalla Securities and Exchange Commission (SEC), l’equivalente della Consob italiana, alla banca più potente d’ America sono di una gravità tale da far nuovamente scricchiolare il sistema bancario americano. Si può tranquillamente parlare di “processo alla recente crisi finanziaria” e sul banco degli imputati troviamo quella famosa banca che amava pavoneggiarsi, rendendo nota la sua solidità anche durante la crisi, mentre il sistema economico stava per “esser mandato al creatore” e migliaia di risparmiatori vedevano perduti i risparmi di una vita.
Fu l’intervento congiunto e tempestivo dei governi nazionali a salvare l’economia mondiale, con aiuti pubblici e acquisizioni governative (emblematica quella di Aig da parte del governo americano) talmente generose da deteriorare in maniera probabilmente irreversibile le finanze pubbliche.
Ma di che è accusata Goldman? Ricordate la causa scatenante la recente crisi economia mondiale? Proprio quella! Secondo la SEC, la banca americana avrebbe creato e venduto prodotti derivati legati ai mutui sub-prime rilasciando informazioni non veritiere ed omettendo elementi chiave allo scopo di speculare al ribasso sul mercato immobiliare a danno dei risparmiatori.
La frode del colosso americano, stando alle accuse sella SEC risalirebbe al 2007, quindi prima che la crisi del mattone travolgesse l’intera economia. Questo lascia intendere che, secondo l'autorità governativa, a scatenare il crollo del settore possa esser stata proprio l’attività speculativa della banca newyorkese.
La reputazione di Goldman Sachs agli occhi dell’opinione pubblica è assai compromessa. A tal proposito emblematico l'articolo che scritto da John Arlidge per il “The Sunday Times” e del quale riporto alcuni passaggi:

L’articolo risale a novembre 2009

“In quest'anno di crisi lo stipendio medio di ciascuno dei 30.000 dipendenti dovrebbe raggiungere la cifra record di 700.000 dollari, con picchi di varie decine di milioni (centinaia di migliaia di volte più di un inserviente della stessa impresa). E quando avranno finito di diventare "schifosamente ricchi a 40 anni", i funzionari non si ritroverebbero in brache di tela nemmeno se l'attività dovesse andare a carte quarantotto; verrebbero paracadutati in uno dei prestigiosi posti politici negli USA o all'estero, facendo nascere il sospetto che "governino il mondo".
La più famosa banca d'investimenti si nasconde dietro la piena di denaro che genera e fa piombare su Manhattan, sulla City di Londra su e buona parte delle altre capitali finanziarie in tutto il mondo. Ma adesso i maghi occulti dell'impero bancario sono obbligati a esporsi alla fredda luce del giorno. Pubblico, politici e stampa ritengono che la crisi creditizia sia la conseguenza delle spericolate attività di trading delle banche e in primo luogo della Goldman, quella di più successo tra le sopravvissute. Politici e commentatori fanno a gara per denunciare la Goldman con termini sempre più pesanti: "ladri tra i ladri", "vandali economici", "capitalisti di rapina".
La rivista Rolling Stone ha pubblicato un articolo che descrive la Goldman come "un'enorme sanguisuga che succhia incessantemente sangue se solo sente odore di soldi".

Fonte: http://www.professionefinanza.com

Formula1, Gp China: doppietta Mclaren, Alonso quarto in rimonta


La Mc Laren torna protagonista e conquista una straordinaria doppietta che lancia la scuderia inglese in testa al mondiale Costruttori. Jenson Button si conferma il mago della pioggia e con una strategia perfetta conquista la seconda vittoria stagionale, mentre Lewis Hamilton con una gara coraggiosa e ricca di sorpassi arriva alle sue spalle. Terzo Rosberg, altro pilota intelligente formichina, mentre Alonso salva l'onore della Ferrari con un quarto posto: il pilota asturiano scavalca le due Red Bull alla partenza, ma anticipa, e viene penalizzato con un drive through che praticamente gli costa il podio. Il Cavallino delude, ma fa peggio Massa: nono davanti ad uno Schumacher combattivo in uno straordinario duello con Hamilton, ma costretto a subire una marea di sorpassi. Le Red Bull chiudono sesta con Vettel e settimo con Webber. Bravissimo Kubica quinto.

Fonte: http://www.altarimini.it

sabato 17 aprile 2010

Inchiesta Sec su frode Goldman: italiano pellegrini testimone chiave


E' l'italiano Paolo Pellegrini, ex manager del colosso degli hedge fund, John Paulson, ad aver incastrato la Goldman Sachs, accusata di frode dalla Sec. Lo sostengono i media americani come il New York Post e la Cnbc.
Il 53enne italiano e' stato il contatto della Paulson con il vice presidente della Goldman travolto dallo scandalo, Fabrice Tourre, e avrebbe fornito informazioni chiave alla Sec.

Fonte: http://www.agi.it

Berlusconi: guerra santa contro intercettazioni


ROMA - lvio Berlusconi ha annunciato che il Governo e' pronto a fare una "guerra santa" contro "questa mania delle intercettazioni telefoniche". Nel suo intervento al Salone del Mobile di Milano, il premier ha replicato il sondaggio gia' sperimentato la settimana scorsa durante il convegno del Centro studi Confindustria di Parma e ha chiesto a chi, tra il pubblico, fosse certo di non essere mai stato intercettato, di alzare la mano. Una sola mano si e' levata dalla platea e il premier ha scherzato: "Lei non fa testo perche' ha vissuto in America". Poi Berlusconi ha ribadito che dopo l'approvazione del Disegno di Legge voluto dal Governo, sara' consentito fare intercettazioni "non per cercare notizie di reato, ma solo per reati gravi per cui ci sono indizi di colpevolezza".

Fonte: http://www.agi.it

Cinema, Roma: Jeremy Irons domani all'Auditorium


ROMA - Dopo Susan Sarandon, Paul Schrader e Wes Anderson, la nuova edizione di "Viaggio nel Cinema Americano" porta in Italia un altro grande protagonista del cinema d'oltreoceano: Jeremy Irons. L'attore, premio Oscar per la sua interpretazione ne 'Il mistero Von Bulow' di Barbet Schroeder, sara' a Roma domani sera alle 21 per incontrare il pubblico dell'Auditorium Parco della Musica (Sala Petrassi).
Come nella tradizione di "Viaggio nel Cinema Americano", format a cura di Antonio Monda e Mario Sesti, realizzato dalla Fondazione Cinema per Roma, ci sara' un dialogo a tu per tu con Jeremy Irons e verranno mostrate le sequenze dei film che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. L'incontro e' realizzato in collaborazione con Premium Cinema, che all'interno della programmazione offrira' ai propri spettatori l'intervista in esclusiva. Jeremy Irons approda al cinema nei primi anni '80, dopo numerose esperienze in campo teatrale e televisivo. Le sue prime interpretazioni per il grande schermo arrivano con 'Nijinsky' (1980) di Herbert Ross e con 'La donna del tenente francese' (1981) di Karel Reisz con Meryl Streep. Nel 1986, recita accanto a Robert De Niro in 'Mission' di Roland Joffe' per il quale viene nominato ai Golden Globe, ma il successo arriva con 'Il mistero Von Bulow' (1990), che gli porta l'Oscar come miglior attore protagonista e il David di Donatello come miglior attore straniero. Irons lavora poi per David Cronenberg in 'Inseparabili' (1988) e 'M Butterfly' (1993), ma anche per altri grandi registi come Steven Soderbergh ('Delitti e segreti', 1992), Louis Malle ('Il Danno', 1992), Bernardo Bertolucci ('Io ballo da sola', 1996), Franco Zeffirelli ('Callas forever', 2002), Ridley Scott ('Le Crociate', 2005), David Lynch ('Inland Empire', 2006). "Viaggio nel Cinema Americano" ha ospitato, fra gli altri, Tim Burton, John Turturro, Todd Solondz, James Ivory, Spike Lee, Sydney Pollack, Arthur Penn, Joel e Ethan Coen, Frances McDormand, Jane Fonda, David Lynch, Sidney Lumet, Jonathan Demme, Milos Forman, Jim Jarmusch, Michael Cimino, Terry Gilliam, Ethan Hawke, Susan Sarandon, Paul Schrader, Wes Anderson.

Fonte: http://www.agi.it

venerdì 16 aprile 2010

Islanda, caos voli: cancellati 150 a Fiumicino, 44a Ciampino


ROMA - Sono al momento 130 i voli cancellati oggi, tra arrivi e partenze, a Fiumicino, 44 a Ciampino. Anche oggi, pertanto, e' un bilancio assai pesante per i collegamenti aerei con il nord Europa per la nuvola di cenere provocata dall'eruzione del vulcano islandese sul ghiacciaio Eyjafallajokull .

Fonte: http://www.agi.it

Subprime: Goldman Sachs accusata di frode, giù le banche


NEW YORK - La Sec, l'autorità della Borsa americana, accusa Goldman Sachs di «frode» per aver creato e venduto prodotti legati ai mutui subprime, all'origine della forte crisi economica. La notizia è stata diffusa dal New York Times. L'azione legale avviata dalla Sec prende le mosse dalle accuse rivolte a Goldman Sachs e a uno dei suoi vice presidenti, Fabrice Tourre, sospettato di aver frodato gli investitori attraverso dichiarazioni non esatte e omissioni in merito a prodotti finanziari legati ai subprime, quali i «cdo» (Colleteralized debt obligations») Abacus che hanno portato gli investitori a perdere 1 miliardo di dollari.
Lo strumento creato da Goldman nei confronti del quale la Sec punta il dito è chiamato Abacus 2007-AC1, ed è uno dei 25 creati da Goldman per consentire alla stessa banca e ad alcuni selezionati clienti di scommettere contro il mercato immobiliare. In base alla documentazione presentata dalla Sec, Goldman ha creato Abacus 2007-AC1 nel febbraio 2007 su richiesta di John A. Paulson, manager di hedge fund che nel 2007 ha guadagnato circa 3,7 miliardi di dollari. L'iniziativa della Sec rappresenta il primo caso in cui le autorità agiscono nei confronti di un prodotto messo a punto dai big di Wall Street.
Non si è fatta attendere la reazione della banca americana: «Le accuse sono completamente infondate. Goldman Sachs si difenderà e tutelerà la sua reputazione», è quanto si legge in una nota ufficiale.
Wall Street, dopo la notizia, ha preso a scivolare: il Dow Jones, intorno alle 17.20 italiane, perde l'1,16%, il Nasdaq l'1,23% e lo S&P 500 l'1,81%. Anche il titolo della Goldman Sachs è in netta difficoltà e perde oltre il 5 per cento. Anche Milano ha chiuso la seduta in forte calo insieme a Madrid agli altri listini europei: il Ftse Mib ha lasciato sul campo il 2,26% e il Ftse All Share il 2,08%. Le vendite hanno interessato in particolare le banche: Mediobanca (-3,75%), Unicredit (-3,83% e Intesa Sanpaolo (-3%). Giù anche Generali (-2,93%).

Fonte:http://www.corriere.it

Islanda, rischio eruzione di altri tre vulcani


REYKJAVIK - In Islanda continua l'eruzione del vulcano sotto il ghiacciaio Eyjafjallajokull, nel sud dell'isola, che con la sua nube di cenere ha mandato in tilt i voli in mezza Europa. Il vulcano continua a produrre gas e nuove esplosioni, ma gli esperti stimano che entro domenica l'eruzione dovrebbe perdere intensita'. Intanto e' allarme anche per altri tre vulcani a rischio-eruzione: il Grimsvotn, l'Hekla e il Katla.

FONTE: http://www.agi.it

Caos voli, la nube avanza: chiuso lo spazio aereo svizzero


I cieli d'Europa continuano ad essere nel caos per la nube di cenere lanciata nell'aria da un vulcano islandese. Diversi scali aerei sono stati chiusi. Toccato anche il traffico aereo svizzero. La nube si sta spostando verso sudest e dovrebbe raggiungere la Confederazione nella notte.
La colonna di cenere di 11 chilometri uscita dal vulcano che si trova sotto il ghiacciaio Eyjafjallajökull, nell'Islanda meridionale, tiene in scacco l'aviazione europea.
Alle quattro di venerdì pomeriggio è stato chiuso anche lo spazio aereo svizzero. Lo ha comunicato l'Ufficio federale dell'aviazione civile che prevede di levare il blocco sabato alle 9. La nuvola di cenere dovrebbe passare sulla Svizzera nella notte.
Stando ad un portavoce dell'autorità per l'aviazione civile britannica, citato dall'agenzia Reuters, la cenere sta avendo effetti sul traffico aereo più gravi di quelli dell'attacco alle torri gemelle. «È una situazione senza precedenti, peggiore di quella creatasi dopo gli attacchi dell'11 settembre, quando venne bloccato il traffico transatlantico, ma i voli in Europa erano operativi».
Eurocontrol, l'organismo europeo per la sicurezza aerea, ritiene che i disagi per il traffico aereo durereranno per almeno altre 24 ore.
Via dalla Svezia, verso la Svizzera e la Russia
Tra ieri e oggi gli aeroporti svizzeri hanno cancellato numerosi voli per la Gran Bretagna e il Nord Europa. Per la portavoce dell'aeroporto di Zurigo, Sonja Zöchling, è inutile che chi vuole recarsi a nord dell'immaginaria linea tracciata tra Parigi e Francoforte vada all'aeroporto.
I viaggiatori i cui voli sono stati annullati possono farsi rimborsare il biglietto, ha indicato all'Agenzia telegrafica svizzera (ATS) l'ombudsman svizzero del viaggio Beat Denneberger.
Secondo gli esperti la nube si starebbe muovendo verso sudest: una conferma arriva dalla Svezia, dove lo spazio aereo è stato parzialmente riaperto.
La nube ha raggiunto la penisola di Kola, estremo nord russo, dove tuttavia l'aeroporto di Murmansk funziona regolarmente. La nube si starebbe avvicinano anche alla regione di Mosca.
Intanto, secondo il modello di calcolo di MeteoSvizzera, la nube di cenere generata dall'eruzione vulcanica questa notte potrebbe raggiungere la Svizzera, passando sopra la catena giurassiana verso mezzanotte. Il cumulo di cenere dovrebbe arrivare nella Confederazione dal Benelux seguendo il corso del Reno, ha indicato all'ATS il meteorologo Felix Schacher.
Niente voli dall'aeroporto di Gatwick, Londra (AFP)
Uno scalo dopo l'altro
Le autorità tedesche hanno deciso in mattinata la chiusura degli scali di Francoforte e Amburgo. Nel frattempo è stato chiuso anche lo spazio aereo lituano. L'Austria farò lo stesso nel tardo pomeriggio. Vienna è un hub importante soprattutto per i collegamenti verso l'Europa centro orientale.
In Gran Bretagna il blocco è stato prorogato fino a domani, sabato 17 aprile. La Danimarca ha preso una decisione simile.
Si estende anche il blocco negli aeroporti polacchi: la spazio aereo è chiuso in gran parte del paese e questo potrebbe far slittare i funerali del presidente Lech Kaczynski, morto sabato scorso in un incidente aereo insieme ad un centinaio di altre persone.
La Polonia teme che la nube di cenere impedisca alle numerose personalità che hanno annunciato di voler partecipare alle esequie di Kaczynski – tra queste ci sono il presidente statunitense Obama e quello russo Medvedev – di raggiungere Cracovia domenica.
Eurocontrol prevede che oggi nei cieli europei ci saranno 11'000 voli, meno della metà dei 28'000 effettuati in giorni normali. Ieri, l'organismo europeo per la sicurezza aerea ha registrato 20'334 voli.
Nel complesso, sono stati annullati il 50% dei voli fra gli Stati Uniti e l'Europa mentre le compagnie americane hanno fatto sapere ieri sera 15 aprile di aver cancellato il 64% dei collegamenti (216 voli). Venti i voli cancellati dal Giappone.
Treni sotto pressione
L'eruzione vulcanica islandese mette a dura prova anche le Ferrovie federali svizzere (FFS): a causa dei voli cancellati le FFS devono far fronte al forte afflusso di per Parigi, Londra e la Germania. L'impresa si sforza di rafforzare le capacità dei treni.
«Dove è possibile cerchiamo di mettere a disposizione mezzi supplementari per rispondere alla domanda dei clienti», ha indicato venerdì Jean-Philippe Schmidt, portavoce delle FFS.
ll gruppo ferroviario Eurostar, che gestisce i collegamenti da Parigi a Londra attraverso il tunnel sotto la Manica, ha lo stesso problema ed è sommerso da richieste di prenotazioni.
Giovedì il gruppo ha ricevuto 10'000 prenotazioni più del normale, «una cosa mai vista per un periodo in cui Eurostar trasporta in media tra i 26'000 e i 28'000 viaggiatori al giorno», ha spiegato un portavoce.

Fonte: http://www.swissinfo.ch

Vianello: 3mila visitatori alla camera ardente


Sono circa tremila i visitatori che fino a questo momento hanno avuto accesso alla camera ardente allestita per Raimondo Vianello negli studi Mediaset. Persone comuni si sono susseguite regolarmente dopo l'afflusso consistente di questa mattina e la folla era gia' presente prima ancora che a Cologno Monzese arrivasse il feretro del comico e presentatore. Ancora assente la moglie, Sandra Mondaini. Ci sara' tempo fino alle 20 per portere l'ultimo saluto a Vianello. I funerali saranno celebrati domani nella chiesa di Dio Padre di Milano Due, frazione di Segrate, da monsignor Carlo Faccendini, vicario episcopale del cardinale Tettamanzi, dal parroco della chiesa, Don Walter Magni e da Don Gabriele Corsani. Monsignor Faccendini e Don Corsani sono arrivati nelle studio 4 intorno alle 13.45 per la benedizione del feretro. .

Fonte: http://www.agi.it

Berlusconi: "Piovra e Gomorra fanno pubblicità alla Mafia"


ROMA - Il governo ha fatto tantissimo contro la criminalità organizzata, "abbiamo superato le 500 operazioni di polizia giudiziaria, che hanno portato a quasi 5000 arresti di presunti appartenenti a organizzazioni criminali". Silvio Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa con il titolare del Viminale, Roberto Maroni, a Palazzo Chigi, rivendica i risultati, sferrando un affondo contro chi, in tv e in libreria, affronta il tema della criminalità. Berlusconi sottolinea che "la mafia italiana risulterebbe essere la sesta al mondo ma è quella più conosciuta" anche per i film e le fiction che ne hanno parlato, come "le serie della Piovra" e in generale "la letteratura, Gomorra e tutto il resto".
Non è la prima volta che Berlusconi se la prende con chi avrebbe, a suo dire, fatto pubblicità alla mafia. Lo aveva già fatto lo scorso novembre quando aveva detto chiaro e tondo di voler "strozzare" chi ha fatto le nove serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia "che non ci fanno fare una bella figura". Un affondo che però, si era rivelato un boomergang. "La piovra è roba di tanti anni fa, mentre le fiction tv più recenti sulla mafia, da Il capo dei capi a quelle su Falcone e Borsellino, le ha fatte suo figlio per Mediaset. Quando Gomorra è stato scritto ed è diventato di successo internazionale, le immagini sullo scandalo immondizia e i problemi della camorra avevano già prima fatto il giro del mondo" gli aveva risposto Michele Placido, il popolare commissario Cattani proprio nella Piovra.

Fonte: http://www.repubblica.it